SANSEPOLCRO- CASTEL DEL PIANO 4-2

SANSEPOLCRO (4-3-3): Cristofoletti, Lomarini (88′ Boriosi) Sensi, Conti (88′ Rossi), Zanchi, Gorini (59’ Beers), Braccini (78′ Benedetti), Massai (78′ Arcaleni) Zuppardo, D’Urso, Mencagli. All. Bonura.
CASTEL DEL PIANO (4-4-2): Cocchini, Barluzzi (77 Calzola), Timbri, Melillo, Taccucci, Moscatelli, Mezzasoma, Paparelli (77′ Ndingue), Menchini, Ubaldi, Catani. All. Giacchetti.
Arbitro: Trotta di Foligno.

Marcatori: 20′ Menichini su rigore, 21′ e 25′ D’Urso, 74′ Mencagli, 89’Zuppardo, 94′ Menichini

Note: circa 600 spettatori. ammoniti: Sensi, Zanchi, Gorini, Paparelli.

In una giornata dove a parte il Tiferno le altre soffrono, il Sansepolcro torna al successo che mancava dal 22 dicembre 2019. Vittoria dopo 3 sconfitte  e due pareggi in questo ritorno che, ancora, propone i play off ai ragazzi di Bonura.
Si inzia alle 15, come tradizione in casa bianconera e dopo fasi di studio nel primo quarto d’ora, si arriva al 14’ con  l’opportunità per il Castel del Piano: velo di Catani, sfera a Menichini per Timbri il cui tiro trova pronto Cristofoletti. Al 20’ intervento di Sensi, in area bianconera nei confronti di Menichini, netto il calcio di rigore che lo stesso Menichini realizza.

10 Sansepolcro D'Urso

D’Urso

Neanche un minuto che il Sansepolcro pareggia, bella palla di Gorini per D’Urso che insacca. Bianconeri che vogliono la vittoria e al 25’, dopo una bella azione, ancora di Braccini, per il vantaggio nuovamente firmato dal bianconero D’Urso che di piatto supera Cocchini sull’invitante servizio del compagno di squadra.
Ripresa con i bianconeri a controllare e a cercare di pungere, cosa che riesce con Mencagli al 74’ che, ricevuto da Massai segna per il 3-1. Bravo Cristofoletti, all’87 sul colpo di testa di Ubaldi, ma risponde prontamente all’89′ Zuppardo che dopo una bella azione sigla il 4-1. Partita finita. Certo, ma gli ospiti, nei minuti di recupero, al 94′, fanno ancora male su splendido calcio piazzato di Menichini.

 

Serie B maschile di pallavolo: gran derby a San Giustino

Ecco i risultati della serie B maschile in attesa del match odierno di San Giustino che chiuderà, questo pomeriggio, alle 18, in casa nel derby contro Sir Safety. Prima vittoria per Monteluce che batte Laghezza, facendo, di riflesso, un favore anche a Città di Castello.

San Giustino Pontedera finale

San Giustino

Sabato 15 febbraio:
La Spezia-Bologna 0-3
Monteluce-Laghezza 3-0
Forlì-4 Torri Ferrara 3-0
Cesena-Pontedera 1-3
Arno Volley-Città di Castello 3-1
Portomaggiore-San Marino 3-0
Domenica 16 febbraio
San Giustino- Sir Safety Perugia (Assisi).
La classifica: Portomaggiore 42, Bologna 35, Arno Volley 31, San Giustino 30, Sir Safety e Forlì 29, Pontedera 26,  4 Torri Ferrara 23, La Spezia 21, San Marino e Laghezza 12, Città di Castello 11, Cesena 6, Monteluce 5.

 

Casal de Pazzi Roma sempre solitaria in B1

La serie B1 femminile di pallavolo ha visto Città di Castello crollare nuovamente  nel derby contro Perugia, squadra ricca di tante ex: Mezzasoma, Silotto, Borrelli, Tosti e con in panchina l’ex Gobbini. Crolla anche Trevi nel match per i vertici, contro Castelbellino.

Casal de Pazzi Roma

Casal de Pazzi Roma

Sabato 15 febbraio
Moie-Casal de Pazzi 0-3
Trevi-Castelbellino 0-3
Città di Castello-Perugia 0-3
Pesaro-Empoli 3-0
Quarrata-Cesena 0-3
Domenica 16 febbraio
Imola- Castelfranco di Sotto

Riposa Capannori.

La classifica: Casal de Pazzi Roma 30, Castelbellino e Pesaro 27, Trevi 24, Perugia e Castelfranco 22, Empoli 21, Cesena 20, Capannori 19, Imola 18, Moie 14, Quarrata 13, Città di Castello 10.

Altro tonfo per Città di Castello in B1 femminile, nel derby con Perugia

Cade Città di Castello nel derby contro Perugia giocato al Pala Joan tifernate. Un secco 0-3, è il quinto di fila che subiscono le ragazze di Brighigna, contro le quattro ex che, assieme al tecnico Gobbini, vestivano la passata stagione la maglia di San Giustino, poi diventata Città di Castello, con due che quest’anno hanno cominciato con la casacca biancorossa tifernate. Parliamo ovviamente di Mezzasoma e Silotto, 24 punti per loro, di Tosti e Borelli, 14 punti per le altre due. Le tifernati hanno moltiplicato gli sforzi nel confronto, ma non ce l’hanno fatta.

San Giustino 20-10 Mezzasoma bis

Mezzasoma

Fa pensare soprattutto in un’altra serata no, il terzo set dove Perugia va sul 16-1 per chiudere, dopo aver fatto giocare un po’ tutto il roster, sul 25-14. Perugia si avvicina così alle zone alte della classifica, mentre Città di Castello resta sempre ultimo e va ancora più verso la retrocessione diretta.
CITTÀ DI CASTELLO – PERUGIA = 0-3 (20-25, 18-25, 14-25)
CITTÀ DI CASTELLO: Liguori 17, Mancini 12, Lachi 6, Sergiampietri 4, Belotti 3, Gobbi, Ferrantello (L1), Cesari, Nardi. All. Francesco Brighigna e Claudio Nardi.
PERUGIA: Mezzasoma 12, Tosti 11, Pero 8, Borelli 3, Manig 3, M’Bra 2, Mastroforti (L1), Silotto 12, Zirotti, Sasso, Nana, Volpi. All. Marco Gobbini e Mirka Francia.
Arbitri: Roberto Albonetti e Luca Giannini.

Derby a San Giustino in B di volley.

Partita da non perdere il primo derby umbro nel girone di ritorno, per San Giustino, nel campionato di serie B. Tante aspettative per domenica 16 febbraio, alle ore 18,00, al palasport di San Giustino, per l’incontro con Sir Safety Monini Perugia.

Taba Marco

Taba -Perugia

Quella di coach Taba è una vecchia conoscenza degli altotiberini, una squadra affrontata, nel girone di andata, al PalaRota di Spoleto, dove i ragazzi di Sideri sono riusciti a chiudere l’incontro al tie- break per 3-2.  La Sir, ad un solo punto da San Giustino, ha portato a termine un bel girone di andata e può vantare un roster di tutto rispetto. Tra i punti di forza ci sono sicuramente l’opposto Segoni, reduce da tre stagioni in A2 con Spoleto, Lucarelli, banda e buon saltatore, anche lui con numerose esperienze in categoria, lo schiacciatore La Rosa, il più esperto del gruppo, e il centrale Bucciarelli  lo scorso anno era nel roster di A1 della Sir Safety Umbria Volley Perugia. Da parte San Giustino c’è una grande voglia di riscatto, dopo lo stop di Pontedera di una settimana fa, per riportare la vittoria tra le mura amiche. Non dovrebbero esserci variazioni di formazione: diagonale palleggiatore opposto, Sitti -Puliti, diagonale di posto 4 Conti -Valla, al centro Stoppelli e Antonazzo con  Di Renzo libero.

San Giustino 2019-2020 doppia

San Giustino

Gli atleti della Sir Safety Monini Perugia potrebbero scendere in campo con la diagonale palleggiatore opposto, composta da Costanzi – Segoni, i due schiacciatori di banda, La Rosa e Lucarelli, i due centrali Bucciarelli e Montanaro con libero Benedicenti.

San Giustino Puliti Leonardo 16

Puliti

Sentiamo l’opposto di coach Sideri, Leonardo Puliti: “Siamo tutti molto concentrati per questo incontro, sappiamo di dover rimediare alla brutta prestazione di sabato scorso con una bella partita in casa. Sarà scontro vero sia in termini di classifica che di gioco, poichè la formazione ospite vanta, oltre a diversi giovani interessanti, una diagonale palleggiatore/opposto di altissimo livello. Non ultimo anche un coach, Marco Taba, che stimavo già come giocatore, che sta dimostrando di avere anche delle grandi doti da allenatore”.

Una sentenza che fa epoca nel calcio dilettantistico. Ridotte da 4 a 2 le giornate di squalifica per il portiere bianconero Cristofoletti. Sansepolcro ottiene un risultato importante.

Cristofoletti Sansepolcro 2019-2020

Cristofoletti – Sansepolcro

Buone notizie, veramente, per il Sansepolcro che ha visto accolta la tesi a difesa del portiere bianconero Cristofoletti: sono passate da quattro a due le giornate di squalifica inflitte al classe 2001 bianconero, dopo il derby di Lama e la sua espulsione. Quindi l’estremo difensore  del Sansepolcro, che ha già scontato i due turni di stop, potrà essere regolarmente in campo domenica nella partita che al Buitoni vedrà i bianconeri di Bonura ospitare il Castel del Piano.
Una sentenza che fa epoca e che, seppure in parte, ridimensiona quanto la terna arbitrale, certo non al top nella giornata “incriminata”, aveva fatto.

Leorsini

L’arbitro Leorsini

Accolto in pieno il ricorso presentato dal Sansepolcro e, questa è la prima volta che accade a livello di Federazione, con il direttore generale Sauro Giorni che nella tarda serata di giovedì aveva discusso, assieme all’avvocato Galli del foro di Perugia, il ricorso della società.
Una sentenza innovativa per quanto riguarda il settore dilettantistico e che mai aveva, sino ad oggi  sconfessato, in parte, l’operato arbitrale in questo caso del direttore di gara  Leonardo Leorsini di Terni con i suoi assistenti Foglietta e Castellani di Foligno.

B1 femminile di volley, gran derby Città di Castello-Perugia

La serie B1 femminile di pallavolo vede Città di Castello lottare disperatamente per evitare la retrocessione diretta e ospiterà, in un derby attesissimo, Perugia, squadra ricca di tante ex: Mezzasoma, Silotto, Borrelli, Tosti e con in panchina l’ex Gobbini. Tiene banco la sfida di Trevi tra le seconde forze del torneo.
Sabato 15 febbraio
Moie-Casal de Pazzi
Trevi-Castelbellino
Città di Castello-Perugia
Pesaro-Empoli
Quarrata-Cesena
Domenica 16 febbraio
Imola- Castelfranco di Sotto
Riposa Capannori.
La classifica: Casal de Pazzi Roma 27, Trevi, Castelbellino e Pesaro 24, Castelfranco 22, Empoli 21, Capannori e Perugia 19, Imola 18, Cesena 17, Moie 14, Quarrata 13, Città di Castello 10.

Gran derby umbro di pallavolo

Non si sono mai viste tante ex in una sola partita di volley femminile e, metteteci pure che anche il tecnico è un ex, per cui la sfida Città di Castello-Perugia sarà tutta da vedere alle 21 di sabato 15 febbraio al Pala Ioan per la seconda di ritorno. Sono ben quattro, infatti le ex sul campo: l’opposto Elisa Mezzasoma, la schiacciatrice Giorgia Silotto e le due giocatrici che a Città di Castello avevano iniziato la stagione, la schiacciatrice Silvia Tosti e la centrale Francesca Borelli. Aggiungere poi la coppia di tecnici in panchina: Marco Gobbini e Mirka Francia. Dopo un inizio con il freno tirato Perugia si è un tantino allontanata dalla zona calda della classifica facendo leva sulle altre giocatrici della rosa: le centrali Marta Pero e Christelle Nana, la schiacciatrice Joelle M’Bra, la palleggiatrice Miriana Manig e il libero Michela Mastroforti. La vittoria interna per 3-0 contro Moie ha esaltato proprio il trio di ex Mezzasoma-Tosti-Borelli, a dimostrazione di una condizione di forma davvero rimarchevole e di un potenziale di squadra che può senza dubbio ambire a una posizione migliore di quella che occupa.

liguori stefania Cdc

Liguori

Città di Castello, ultima in classifica inchiodata a quota 10 punti da 4 turni (con al passivo tutte sconfitte per 0-3) cercherà di mettere in moto tutto l’orgoglio possibile per contrastare le avversarie. Il tecnico Francesco Brighigna può contare anche su Margherita Lachi, che era tornata ad allenarsi già alla fine della passata settimana; si affiderà poi all’efficace “mancino” di Stefania Liguori, che da quando è arrivata in Altotevere sta facendo registrare alte medie di realizzazione e al resto della squadra, che ha deciso assolutamente di non mollare. Il 6+1 iniziale dovrebbe essere pertanto il seguente: Chiara Gobbi in regia, Stefania Liguori opposto, Camilla Sergiampietri e Vittoria Belotti al centro, Margherita Lachi e Francesca Mancini (con Livia Leonardi di nuovo pronta) in posto 4 ed Elena Ferrantello nelle mansioni di libero. Una coppia grossetana designata per la direzione del match, con primo arbitro Roberto Albonetti e secondo Luca Giannini.

 

B maschile di pallavolo, le valtiberine impegnate in gare difficili.

Bella giornata di pallavolo in B maschile, con Città di Castello che affronta in trasferta i quotati toscani dell’Arno Volley, mentre domenica, alle 18, il Palasport di San Giustino ospiterà uno dei derby umbri più attesi, saranno infatti di scena i ragazzi di Sideri e Sir Safety Perugia. Queste le gare della 2^ di ritorno:

Sabato 15 febbraio:
La Spezia-Bologna
Monteluce-Laghezza
Forlì-4 Torri Ferrara
Cesena-Pontedera
Arno Volley-Città di Castello
Portomaggiore-San Marino
Domenica 16 febbraio
San Giustino- Sir Safety Perugia (Assisi).
La classifica: Portomaggiore 39, Bologna 32, San Giustino 30, Sir Safety 29, Arno Volley 28, Forlì 26, Pontedera e 4 Torri Ferrara 23, La Spezia 21, San Marino e Laghezza 12, Città di Castello 11, Cesena 6, Monteluce 2.

 

Città di Castello sfida Perugia in B1 femminile

Per la prima volta Chiara Gobbi, classe 1997, ha avuto le responsabilità da palleggiatrice titolare in B1. Con lei, analizziamo l’onorevole sconfitta per 0-3 di Città di Castello a Castelfranco.
Come è stata innanzitutto questa prima volta da regista?
“In tutta onestà – dichiara la Gobbi – debbo dire che inizialmente avvertivo un po’ di tensione, ma la squadra mi ha fatto sentire a mio agio. In partita ce l’abbiamo messa tutta e l’umore era molto alto: abbiamo avuto il merito di non esserci mai abbattute, rimanendo sempre in partita, a parte il secondo set.
Ma quel terzo set….sul 21-21.
gobbi chiara San Giustino CDC“Abbiamo commesso qualche errore che alla fine ha pesato, pur rimanendo sempre lì. Il Castelfranco non mi è sembrato al top della condizione e allora ha fatto leva sulla maggiore esperienza; peccato, perché avremmo potuto approfittare della situazione”.
Debuttanti in assoluto nella categoria sono state la centrale Vittoria Belotti e la schiacciatrice Livia Leonardi.
“Vittoria è stata persino ottima in qualche frangente, ma anche Livia si è resa autrice di una buona prestazione. Ci siamo tutte impegnate molto e abbiamo fatto ciò che potevamo”.
Semmai, avete sbagliato troppe battute.
“In effetti sì, ma non riesco a trovare una spiegazione, dal momento che ci siamo allenate molto su questo fondamentale e che andiamo pure bene. L’allenatore ci aveva detto di “rischiare” in battuta: il problema è che abbiamo rischiato in misura eccessiva”.
Sabato prossimo si torna al Pala Ioan per un derby contro Perugia, nelle cui file vi sono atlete che fino a poco tempo fa erano vostre compagne di squadra, vedi Tosti, Borrelli, ma anche Silotto e Mezzasoma.
gobbi chiara Cdc“Conosciamo bene le nostre avversarie e la loro consistenza, per cui cercheremo di dare ancora il massimo, scendendo in campo con lo stesso approccio avuto a Castelfranco di Sotto. Giochiamo in casa e quindi di mezzo c’è anche l’orgoglio. Non abbiamo nulla da perdere, ma ciò non vuol dire che non ci batteremo fino in fondo”.