Consegna mascherine a tutte le famiglie, operazione terminata.

E’ terminata la consegna delle mascherine alle 6000 famiglie del territorio comunale di Sansepolcro. Grazie all’enorme sostegno di Croce Rossa, Misericordia, Protezione Civile, Gruppo Agesci Scout Valtiberina 1 e delle Pro Loco delle frazioni, in poco più di un giorno le operazioni, coordinate dal Comune, sono terminate.
Adesso tutti i residenti hanno le mascherine volute dalla Regione Toscana, dopo l’ordinanza del Presidente Enrico Rossi che obbliga all’uso.
“E’ stato un grande lavoro – conferma il sindaco Mauro Cornioli – I nostri volontari, oltre 50, hanno dato l’ennesima prova di essere necessari, operativi, ben organizzati. Adesso l’impegno passa ai cittadini, che devono indossare le mascherine. Chiaramente, si deve uscire solo ed esclusivamente per i casi previsti, cioè per andare al lavoro, a fare la spesa o per urgenze di salute. L’invito è quindi di utilizzare i dispositivi nel modo corretto perché rappresentano uno strumento di protezione essenziale”.
Sansepolcro sindaco mauro-cornioliNello specifico ecco cosa prevede l’ordinanza:
1. di disporre l’utilizzo obbligatorio della mascherina monouso, in spazi chiusi, pubblici e privati aperti al pubblico, in presenza di più persone, oltre che nei mezzi di trasporto pubblico locale, nei servizi non di linea taxi e noleggio con conducente;
2. di disporre l’utilizzo obbligatorio della mascherina monouso, in spazi aperti, pubblici o aperti al pubblico, quando, in presenza di più persone, è obbligatorio il mantenimento della distanza sociale (1,8 metri);
3. fermo restando il rispetto del mantenimento delle misure di distanziamento sociale, di stabilire che le disposizioni di cui ai punti 1 e 2 non si applicano ai bambini di età inferiore ai sei anni e alle persone che non tollerino l’utilizzo delle mascherine a causa di particolari condizioni psicofisiche attestate da certificazione rilasciata da medici di famiglia e pediatri di libera scelta”.
L’ordinanza della Regione entra in vigore domattina, mercoledì 8 aprile, alle ore 8.00. Se qualcuno, per un errore o disguido non dovesse aver ricevuto le mascherine, può contattare il Comune.

 

Da Sansepolcro

Il sindaco di Sansepolcro, Mauro Cornioli: “Buonasera, oggi abbiamo registrato un nuovo contagiato nel territorio di Sansepolcro. Si tratta di una donna di 62 anni, familiare convivente di un caso positivo già noto. E’ ricoverata all’Ospedale San Donato di Arezzo. Con lei, salgono quindi a 2 i nostri concittadini ricoverati. L’augurio sincero da parte di tutti e’ che si rimettano in salute al più presto.
Un saluto, a domani”.
Sansepolcro sindaco mauro-cornioli

I ristoranti di Sansepolcro a casa nostra

Serviti e riveriti a casa vostra per Pasqua e Pasquetta da parte dei ristoranti di Sansepolcro che, oltre domenica 12 e lunedì 13 aprile, vi porteranno i piatti scelti, appositamente per voi, anche durante la settimana.

Tutti i giorni sono buoni.

Pasqua e Pasquetta 2020Affrettatevi a prenotare per passare una Pasqua…diversa, a casa vostra grazie ai ristoranti di Sansepolcro e al Centro Commerciale Naturale. Niente gita furi porta per Pasquetta, ma un bel pranzo, nella vostra casa, per gustare quanto vi è stato preparato.
L’appuntamento per rifrequentare, fisicamente, i ristoranti che, attualmente ci stanno vicino, sarà quando il virus se ne sarà andato. Allora ci ritroveremo nel centro storico di Sansepolcro, ma anche nel resto della città, per ringraziare chi si sta, ora, facendo in quattro per soddisfare quanto preferiamo assaggiare e mangiare, oltre a chi invece ha dovuto chiudere, momentaneamente, la propria attività in attesa di rivedervi quanto prima.
Per tutti gli altri giorni ecco i numeri di telefono da contattare:Centro Storico

Ci ha lasciato Aldo Osti, colui che aveva salvato….per la seconda volta, la Resurrezione di Piero

Il saluto ad Aldo Osti dell’Assessore Gabriele Marconcini

“Oggi se ne è andato Aldo Osti, il mecenate che aveva donato un cospicuo contributo per il restauro della Resurrezione di Piero della Francesca.
In questa foto che facemmo due anni fa in occasione dell’inaugurazione dell’opera restaurata, Osti – tra me e l’ex assessore Andrea Borghesi – appare subito come il prezioso anello di congiunzione tra le due diverse amministrazioni che hanno avuto l’onore, il merito e la responsabilità di ridare lucentezza al “dipinto più bello del mondo”.
Una semplice riprova del fatto che l’arte riesce a superare vertiginosamente le vicissitudini del presente (compresi gli schemi della dialettica politica) rendendo eterno ciò che l’uomo ha di più caro e puro.
GRAZIE dott. Aldo Osti, da cittadino di Sansepolcro, nonché da amante dell’arte, non potrò che esserLe per sempre riconoscente”.
Osti

Il cordoglio del comune :” E’ un giorno triste per Sansepolcro. E’ scomparso oggi Aldo Osti, cittadino onorario della nostra città dal 22 aprile 2016 per meriti culturali. Grande appassionato e conoscitore dell’arte, nello specifico di Piero della Francesca, nel 2014 Osti fece una cospicua donazione per il restauro della “Resurrezione”.
Era molto legato a Sansepolcro e la città gli ha sempre riconosciuto grande apprezzamento. Nato a Milano nel 1931, aveva frequentato le scuole a Roma dove la sua famiglia, di origine emiliana, si trasferì. Si era laureato in Scienze agrarie a Portici, Università degli studi di Napoli Federico II e in seguito ottenne il dottorato di ricerca in Economia Agraria presso la Cornell University nello Stato di New York.Aldo Osti ha sempre lavorato nell’industria alimentare italiana ed è stato dirigente allo stabilimento Buitoni. Un incarico che gli ha permesso di conoscere la realtà della Valtiberina e di affezionarsi ai nostri bellissimi paesaggi e alla nostra arte.
Sansepolcro deve molto ad Aldo Osti: lo ricordiamo con grande affetto e riconoscenza.Tutta la nostra comunità si stringe alla sua famiglia in questo momento di dolore”.

Da Sansepolcro

La parola al sindaco di Sansepolcro, Mauro Cornioli:”Buonasera cari concittadini, ci lasciamo alle spalle una Domenica delle Palme che ricorderemo sempre. Anche oggi a Sansepolcro non si contano nuovi contagi, ma lasciatemi dire che ancora troppe persone escono di casa per motivi non urgenti. Le belle giornate di sole, lo so, si trascorrono con difficoltà tra le mura domestiche ma vi ricordo che siamo in periodo di pandemia. Questo significa che si deve rimanere in casa. Non mi stancherò mai di ripeterlo, fino a quando sarà necessario. Conto su di voi e sul vostro senso civico e di rispetto per la comunità.
Un saluto a tutti, a domani”

5 aprile: doveva esserci il derby tra Sansepolcro e Tiferno 1919. L’Eccellenza può aspettare, ma fino a quando ?

 

Tiferno 1

Tiferno

Domenica 5 aprile: domenica delle Palme e allo Stadio Buitoni si doveva giocare, secondo il Calendario stilato dalla Lega Nazionale Dilettanti, il derby della Valtiberina o Alto Tevere che dir si voglia, tra Sansepolcro e Tiferno.

Sarebbe stata, sulla carta, secondo quanto voluto dal calendario, una delle partite decisive per l’assegnazione del titolo. Sarebbe stato il terzo incontro tra le due compagini quest’anno: una vittoria per i biancorossi umbri, 2-0 in Coppa Italia e un successo, sempre al Corrado Bernicchi di Città di Castello, per i bianconeri, con il risultato di 2-1. La partita, purtroppo, a causa di questo maledetto virus non ci sarà, ma abbiamo voluto ricordare le due squadre che sicuramente avrebbero attirato il pubblico delle grandi occasioni allo Stadio Buitoni per una sfida tra due valli bagnate dal Tevere.
Vogliamo rivedere, e rivivere quanto prima, queste gare che tanto hanno dato al calcio !!

Sansepolcro 2019-2020 bis

Sansepolcro

Il sindaco Cornioli. Da Sansepolcro

Per fortuna, in questo particolarissimo momento, in cui dobbiamo rafforzare i nostri sforzi, che restano sempre quelli di restare a casa, di non ospitare nessuno tra le proprie mura “amiche”, potrebbe, infatti, anche nel migliore conoscente, nel parente, annidarsi il virus, non ci sono stati, per un altro giorno, casi di contagio, ma sentiamo cosa ci dice il nostro sindaco Mauro Cornioli:
“Buonasera a tutti, ancora zero nuovi contagi oggi e questo risultato ci deve spingere a mantenere il rispetto di tutte le regole. Anche a livello provinciale, i numeri dei nuovi positivi sono bassi ma questo non significa che possiamo abbassare la guardia. Non si deve uscire di casa, nessuna passeggiata, la spesa solo una volta a settimana e sempre con la mascherina.
Domani sarà la domenica delle Palme. Probabilmente non sarà la giornata che avremmo voluto, ma resistiamo ancora. La priorità, per tutti noi, e’ combattere questo virus.
Un caro saluto, a domani”.
Sansepolcro sindaco mauro-cornioli