Annullata la pedalata invernale La Chianina dei Chianini

L’appuntamento rappresentava un’occasione di ritrovo di fine anno per appassionati di ciclismo storico. La situazione sanitaria ha costretto a rinviare l’iniziativa in calendario sabato 5 e domenica 6 dicembre

Annullata la pedalata invernale La Chianina dei Chianini. L’appuntamento, fissato per sabato 5 e domenica 6 dicembre, era stato previsto come un’occasione di ritrovo di fine anno rivolta agli appassionati di ciclismo storico, ma l’attuale situazione sanitaria ha costretto gli organizzatori dell’associazione La Chianina di Marciano della Chiana a decretarne il definitivo rinvio al 2021.
La Chianina dei Chianini è una manifestazione inserita nel circuito de La Chianina Ciclostorica che, ogni inverno, si sviluppa attraverso un fine settimana che propone una serata di racconti dedicati al ciclismo storico, un percorso in bici su alcune delle strade più belle della Valdichiana e un pranzo con prodotti tipici del territorio. Questa iniziativa era tradizionalmente riservata a soci e amici dell’associazione La Chianina, ma per il 2020 era stata prevista una speciale edizione allargata alla partecipazione di ciclostorici da tutta Italia per permettere loro di tornare a pedalare insieme e di passare del tempo in allegria e spensieratezza.

Il recente acuirsi dell’emergenza sanitaria ne ha però imposto l’annullamento, dunque il prossimo appuntamento è spostato direttamente al nuovo anno: da venerdì 18 a domenica 20 giugno è già in programma La Chianina Ciclostorica, con l’auspicio di tornare a vivere una nuova edizione dell’evento capace nuovamente di riaccendere l’entusiasmo, la gioia e la passione dei tanti partecipanti provenienti dall’Italia e dall’estero. «Con l’annullamento de La Chianina Ciclostorica di giugno – commenta il presidente Roberto Apolloni, – abbiamo sperato con tutto il cuore di poter vivere La Chianina dei Chianini per riuscire a chiudere l’anno con il sorriso e per poter portare tanti appassionati a pedalare in Valdichiana, ovviamente nel rispetto di tutte le misure per contenere il contagio. Dobbiamo necessariamente rinunciare anche all’ultimo appuntamento di questo anno ma, comunque, non ci arrendiamo: appena sarà possibile inizieremo subito a lavorare per una memorabile sesta edizione de La Chianina del giugno 2021».

Cavriglia: Brocci e Tognaccini visitano l’area mineraria Enel: la vocazione sportiva e turistica nel futuro del sito naturalistico.

Da miniera di lignite utilizzata per produrre energia a “miniera di opportunità” per generare sviluppo per il territorio: è questo il futuro dell’area mineraria di Santa Barbara – circa 1600 ettari tra Cavriglia (AR) e Figline e Incisa Valdarno (FI) – con particolare riferimento alla vocazione turistica, sportiva e naturalistica. In coerenza con queste linee guida, portate avanti finora da Enel in collaborazione con Regione Toscana, Comuni e tessuto sociale del territorio, nei giorni scorsi  l’ideatore nonché geniale ed instancabile promotore dell’“Eroica” Giancarlo Brocci ed il preparatore atletico, trainer e grande esperto di sport e benessere Daniele Tognaccini, già responsabile di Milan Lab per quasi venti anni e collaboratore di Sarri nell’ultimo scudetto della Juventus, hanno visitato l’area mineraria Enel.
I due autorevoli ospiti hanno potuto perlustrare la miniera e confrontarsi sulle molte opportunità di sviluppo sostenibile e di economia circolare, a partire da progetti di cicloturismo e di altri sport all’aperto che potranno integrarsi anche con il progetto “Parco dello Sport” che sorgerà a fianco dell’area mineraria.
Per quanto riguarda il cicloturismo, Enel sta lavorando alla creazione del “Santa Barbara Cycle Hub & Park”: già oggi, grazie alla collaborazione con le istituzioni regionali e locali e con gli organizzatori della ciclostorica “La Marzocchina” e dei percorsi turistici “Valdarno Bike Road”, l’area mineraria ha oltre 60 km di strade bianche che in occasione di manifestazioni sportive possono essere percorsi in mezzo alla natura, in un contesto paesaggistico più unico che raro.
La visita di Brocci e Tognaccini si inserisce in questo percorso: grazie all’esperienza e alle competenze dei due illustri personaggi sportivi, potranno nascere nuove idee per la pratica di sport all’aperto ed il benessere psicofisico delle persone, utili ad arricchire il progetto in fase di elaborazione.

In giro per la Toscana, strada frequentata dai ciclisti

Il giro della Toscana seguito dal lancio del nuovo libro “In fuga controvento”. Paola Gianotti, ultracycler con all’attivo tre Guinness World Record, è stata protagonista di una pedalata tra le strade di tutta la regione Toscana in cui ha attraversato nove provincie, trentadue comuni e circa ottocento chilometri con l’obiettivo di sensibilizzare amministrazioni e cittadini a rivolgere una rinnovata attenzione verso la sicurezza dei ciclisti. Questo impegno è stato l’espressione concreta delle parole e delle riflessioni contenute nel suo secondo libro “In fuga controvento”, edito da Bradipolibri ed attualmente in distribuzione dal 5 ottobre.

NOVA Eroica è confermata

La corsa cicloturistica, NOVA Eroica, è confermata per domencia 25 Ottobre 2020. L’evento sarà a numero chiuso in modo da poter rispettare tutte le normative anti-covid 19 e svolgerlo in totale sicurezza.
Nova Eroica è l’evento gravel che ti permette di pedalare sulle strade bianche de L’Eroica in sella alla tua bici da corsa, gravel o ciclocross.
A causa della pandemia, al fine di garantire la tutela della salute dei partecipanti lo svolgimento della corsa non prevede la parte agonistica pertanto tutti i tratti cronometrati lungo il percorso saranno eliminati.
Le iscrizioni FAST al costo di 45€ e le iscrizioni riservate ai membri del Ciclo Club Eroica al costo di 35€ chiudono il 30 Settembre

Valdarno: ciclismo vintage, successo per l’ottava edizione de La Marzocchina.

Sicurezza, sport e sostenibilità ambientale con oltre 60 chilometri nell’area mineraria Enel di Santa Barbara. Assegnate anche due biciclette a pedalata assistita alla memoria di Omero Sguerri, dipendente Enel scomparso a giugno, grande professionista e appassionato della storia e dei progetti di riqualificazione della miniera.
Oltre 360 persone, appassionati di sport e di ciclismo vintage, hanno partecipato all’ottava edizione de “La Marzocchina”, la ciclostorica del Valdarno che si è svolta in totale sicurezza anche dal punto di vista sanitario grazie all’impegno e all’attenzione degli organizzatori.
Grande novità di quest’anno il passaggio dei tre tracciati – da quello più corto di 42 chilometri al più impegnativo di 107 km – per oltre l’80% nell’area mineraria Enel di Santa Barbara, lungo le suggestive strade bianche chiuse al pubblico con circa 60 km di percorsi di rara bellezza e sicuri.
Un risultato possibile grazie alla collaborazione con Enel che per il sesto anno consecutivo ha confermato la partnership in qualità di main sponsor insieme a Confcommercio e Pro Loco di San Giovanni Valdarno ed il sostegno di Dolcezze Savini-Fiore, Banca del Valdarno e il patrocinio di Regione Toscana, Comuni di San Giovanni Valdarno, Cavriglia, Figline e Incisa Valdarno, Camera di Commercio di Arezzo-Siena.
A proposito della collaborazione con Enel, un momento particolarmente toccante della giornata è stato il Premio dedicato alla memoria di Omero Sguerri, collega Enel di Santa Barbara scomparso il 7 giugno scorso, grande professionista, appassionato della storia e dei progetti di riqualificazione e di sostenibilità ambientale dell’area mineraria: in suo onore sono state assegnate due biciclette a pedalata assistita, una da uomo e l’altra da donna, estratte a sorte tra tutti i partecipanti poco prima della partenza della manifestazione: i premi sono andati a Graziella Santini del Team Catarzi e ad Antonio Turtora del Team Lebole.
Grande attenzione è stata dedicata alle misure di sicurezza anti-Covid sia in fase di ritiro del numero di iscrizione sia alla partenza, durante il percorso e all’arrivo. Anche nei punti di ristoro, curati da Dolcezze Savini, è stato servito cibo monoporzione con cui i partecipanti hanno potuto rifocillarsi senza particolari assembramenti.
Enel ha rinnovato il sostegno a questo evento sportivo, ma anche culturale e sociale, sempre più legato all’area mineraria di Santa Barbara, oggi al centro di un importante progetto di riqualificazione che rappresenta la volontà dell’Azienda di valorizzare i propri siti, non più produttivi dal punto di vista energetico ma di grande potenzialità in termini ambientali, attraverso progetti di sostenibilità e di economia circolare in collaborazione con le Istituzioni e con il tessuto associativo dei territori. In questo senso, La Marzocchina ed il Valdarno costituiscono un modello positivo a cui ispirarsi per creare valore condiviso e l’edizione 2020, con tutte le restrizioni e le misure di sicurezza del caso, lo ha confermato.

9° Memorial Gabriele Battistelli

Sabato 12 settembre, alle ore 15, organizzato  dall’Unione Ciclistica Città di Castello,  dal Team Cycling  e dalla Federazione Ciclisrica Italiana, comitato Regionale Umbro prenderà il via la nona edizione del  Memorial Gabriele Battistelli. La gara ciclistica, riservata ai giovanissimi, dai sei ai 13 anni,  si disputerà presso il ciclodromo comunale in Viale Europa.Visto il successo  delle  precedenti edizioni  il memorial registrerà la presenza di un centinaio di giovanissimi ciclisti provenienti dall’Umbria e dalle regioni vicine. Gabriele Battistelli, tifernate verace, è stato dal 1946 al 1986  il “biciclettaio ” di Città di Castello, aveva  il laboratorio  al Rione Prato, in Via San Florido. Non sono pochi quelli che ancora ricordano la professionalità  e la bontà d’animo di  Battistelli, tante volte, vista la situazione economica del proprietario della bicicletta, Gabriele si dimenticava di richiedere il dovuto per una foratura  o per un piccolo intervento. Battistelli è stato per anni il meccanico dell’Unione Ciclistica Altotevere.  Consegneranno il trofeo, della nona edizione del Memorial  Gabriele Battistelli la moglie  Rosina Marri, il figlio, il noto musicista Fabio, e la figlia Sandra.

Annullata l’Intrepida

L’Intrepida 2020 è stata ufficialmente annullata a causa dell’emergenza dovuta al Coronavirus e delle normative attuali in tema di tutela della salute e distanziamento. La notizia è stata comunicata nella Sala del Consiglio Comunale di Anghiari da Fabrizio Graziotti, presidente del Gs Fratres Dynamis Bike, a nome del Comitato Organizzatore. La decisione, presente anche il sindaco Polcri, è stata comunicata ai collaboratori della cicloturistica su bici d’epoca ed è condivisa da tutti i protagonisti. La pedalata non agonistica in programma ad Anghiari domenica 18 ottobre e tutte le iniziative dei giorni precedenti sono state quindi annullate. Impossibile infatti organizzare in un momento come questo una manifestazione che coinvolge oltre 1000 ciclisti e che porta ogni anno ad Anghiari tante persone da tutta Italia e dall’estero.
Graziotti ha comunicato che con grande dispiacere è stato scelto di rinviare al 2021 la 9^ edizione. È una decisione sofferta, dolorosa, ma anche doverosa, perché la tutela della salute degli abitanti di Anghiari e degli intrepidi è la priorità. Il Direttivo ha preso atto della situazione con grande senso di responsabilità perché L’Intrepida è ciclismo, ma soprattutto è la condivisione di una passione, è amicizia, è intrattenimento, è gastronomia ed è una festa che non può esser tale se non ci sono le condizioni giuste.
Chi si è già iscritto per l’edizione del 2020, risulterà iscritto automaticamente all’edizione del 2021, ma chi vorrà potrà comunque presentare domanda di rimborso scrivendo entro il 30 settembre 2020 una mail a info@lintrepida.it.

La corsa gratuita: “Marzocchina”, per gli amanti del bel ciclismo

Eccoci all’8^ edizione de “La Marzocchina”. Domenica 13 settembre parte da San Giovanni Valdarno la ciclostorica gratuita che accompagna alla scoperta dei luoghi più suggestivi del Valdarno Superiore, su iniziativa di Confcommercio e Pro Loco di San Giovanni Valdarno con il patrocinio di Regione Toscana, Comuni di San Giovanni Valdarno, Cavriglia, Figline e Incisa Valdarno, Camera di Commercio di Arezzo-Siena e il contributo di Enel, Dolcezze Savini-Fiore e Banca del Valdarno
Oltre trecento gli iscritti, a conferma del successo della manifestazione. Tre i percorsi fra i quali scegliere, dal più corto di 42 chilometri al più impegnativo di 107, che si estenderanno per l’80% nell’area mineraria di Santa Barbara, completamente chiusa al traffico, tra ristori, punti meccanici e postazioni fotografiche. Grande attenzione alle misure di sicurezza anti-Covid. Tra le iniziative collaterali, il Premio Enel dedicato alla memoria di Omero Sguerri, dipendente Enel di Santa Barbara scomparso il 7 giugno scorso. E, per la prima volta, quest’anno la manifestazione esce dalla provincia di Arezzo per entrare nel territorio metropolitano fiorentino.

Tutto pronto per l’Eroica !!!

Eroica Montalcino è confermata. L’impresa “eroica” quest’anno metterà in strada gli eventi.
“Lo dobbiamo alla nostra gente, hanno sottolineato gli organizzatori, all’affetto che ci ha dimostrato. E noi ci proviamo facendo conto che proprio la selezione di bella gente che si riconosce nei valori de L’Eroica saprà rispettare le disposizioni, rendere possibile la rinascita. La situazione ci obbliga ad adeguare le modalità di svolgimento degli eventi pertanto vi invitiamo a leggere il regolamento della manifestazione”
Queste le poche, ma giuste parole, degli organizzatori
Eroica Montalcino è confermata e le iscrizioni sono ancora aperte fino al raggiungimento del numero chiuso. Grazie ad una partecipazione nettamente minore e con limitata presenza straniera rispetto a L’Eroica, l’evento può essere gestito rispettando tutte le norme di sicurezza.
Le bellissime strade bianche della Val d’Orcia immerse nei filari di Brunello ti aspettano per farti vivere un esperienza eroica unica ed autentica. 

L’Eroica di Gaiole in Chianti: Evento Annullato  il 4 Ottobre

Riceviamo dagli organizzatori de L’Eroica, la cicloturistica più importante al mondo e pubblichiamo il loro annuncio:

“Cari Eroici tutti, vi dobbiamo una decisione che ognuno di noi ha cercato di evitare. Una marea di riunioni, un dibattito acceso, il coinvolgimento dei migliori tecnici, le sopraggiunte normative di metà luglio che ci avevano indotto all’ottimismo della volontà, non sono bastati ad evitare l’annullamento de L’Eroica prossima, il primo weekend di ottobre. Siamo ad annunciare questo, senza retorica alcuna, obbligati da condizioni socio-ambientali e sanitarie che ci costringono alla responsabilità. Abbiamo sempre parlato del miracolo di Gaiole in Chianti, un paesino di 1.000 abitanti che ha ripetuto l’impresa eroica di ospitarne ben oltre 10 mila. Quest’anno dobbiamo fare i conti, tutti assieme, con Sindaco ed Istituzioni locali che comprensibilmente non sono tranquille, con regole che comunque snaturerebbero, anche nelle modalità distanziate che avevamo predisposto, quel clima magico capace di rendere L’Eroica evento unico ed irripetibile.
Eroica 2020Di certo hanno pesato molto sia la recente decisione del Governo Nazionale di prorogare al 15 ottobre lo Stato di Emergenza che la situazione generale dell’andamento internazionale della pandemia, che conosce in alcuni Paesi situazioni drammatiche e che ci induce al rispetto di quanti, circa un terzo degli iscritti attuali, avrebbero difficoltà oggettive a partecipare.
L’annullamento della manifestazione per le suddette cause di forza maggiore scontenterà molti e soddisferà altri. Le iscrizioni per L’Eroica 2020 rimarranno valide per L’Eroica 2021 come da Regolamento (Art.17). Sulle modalità di spostamento dell’iscrizione vi informeremo prima possibile.
Il nostro impegno, sia ben chiaro, non si ferma, a partire da Eroica Germania, Eroica Montalcino e Nova Eroica Buonconvento, manifestazioni con un numero di partecipanti minore, che può essere, gestito con maggiori garanzie. Rivolgiamo un invito speciale a misurare, proprio ad Eroica Montalcino il 30 agosto, la grande capacità della nostra gente di rispettarsi e seguire le regole. A quanti sentiranno la mancanza de L’Eroica di ottobre, ricordiamo che il percorso permanente è sempre aperto e noi con tutto il territorio siamo pronti ad accogliervi tutto l’anno”.
Peccato !!! Diciamo ed aggiungiamo noi.