Bergamaschi vince per Sansepolcro il Palio della Balestra

Il Palio della Balestra è tornato a Sansepolcro. Era dal 2017 che la Società biturgense non riassaporava la vittoria in Piazza Torre di Berta, mentre l’ultimo successo a Gubbio è datato maggio 2018.
A vincere è stato Gianni Bergamaschi, Presidente del sodalizio armigero pierfrancescano anche se sembra, almeno dal responso della giuria che la vittoria sarebbe stata ad appannaggio sempre di Sansepolcro, ma con Andrea Cestelli. Quest’ultimo pare, ad ogni modo, non aver siglato la propria verretta, per cui è stato squalificato.
ansepolcro avrebbe quindi potuto assaporare il primo e secondo posto, ma il successo al Palio è pur sempre suo. Gianni Bergamaschi persona semplice, legata da sempre alla sua città, è alla guida della società balestrieri da tre anni, ha tirato, pensate un po’, penultimo sui 101 partecipanti,  e la sua verretta si è ben conficcata, conquistando lo splendido palio dipinto dalle merlettaie di Sansepolcro. Un palio storico, che rimarrà impresso negli annali, perché legato al Covid e senza pubblico presente, ma con le due società, amiche e rivali, che non hanno voluto essere da meno, disputando la secolare sfida, che viaggia ad oltre 500 anni di tempo, la seconda domenica di settembre in terra toscana.
Al secondo posto il balestriere eugubino Mancini Alessandro, al terzo l’altro biturgense, Massimo Mancini. Applauditi gli sbandieratori di Sansepolcro e i gruppi musici sia degli alfieri pierfrancescani che di Gubbio e della Società Balestrieri biturgense.

Balestre a Sansepolcro e San Marino

Tutto il settembre rinascimentale salta, in pratica, a colpa del Covid. Resta il Palio della Balestra, di domenica prossima 13 settembre, tra i campioni di Sansepolcro e Gubbio, manifestazione che sembra farcela seppur senza tribune, senza l’ingresso del pubblico ad assistere alla secolare tenzone. Saltate l’Offerta della cera, Porta Romana Porta Fiorentina, tra i campioni balestrieri dei due rioni, e i Giochi di Bandiera, resta, per fortuna, il Palio a confermare la secolare tradizione. Nel frattempo si sono disputate due gare, la prima ha visto, in onore di Sant’Egidio, ma senza chi non è tiratore come vuole la tradizione, il successo di Marco Guerrini Guadagni al campo di tiro Luigi Batti di Sansepolcro davanti a Mazzini Luciano e Alessandro Tizzi. La seconda, seppur con metà tribuna presente con il pubblico, rispettando le disposizioni dello Stato, proprio a causa del Covid, nella Repubblica di San Marino che festeggiava, addirittura, i 1720 anni dalla nascita del libero Stato del Monte Titano. Qui il successo, di fronte ad un pubblico contingentato e con mascherine, è andato a Silvano De Biagi che ha tirato per primo infilando la freccia a toccare il 30, il nero della bulletta.
  Il corniolo di San Marino

Va a Gubbio il Palio della Balestra del 14 agosto

Sansepolcro non rivince un Palio della Balestra contro Gubbio dal maggio 2018. L’edizione odierna è andata infatti ad appannaggio del Maestro d’armi eugubino, Rodolfo Radicchi, mentre la città pierfrancescana ha conquistato la seconda piazza con Viviano Zanchi e il terzo posto con Luciano Mazzini.
La manifestazione di oggi 14 agosto è stata giustamente riproposta dalle due società dopo che quella del 31 maggio scorso era stata rinviata causa il Covid-19. Piazza Grande ha potuto ospitare quindi 69 tiratori di cui 42 umbri e 27 di Sansepolcro. Nonostante il virus, la tradizione storica tra le due città amiche e rivali, rimane immutata da 559 anni.