San Giustino al quarto posto in B1

Con San Giustino che batte, abbiamo visto ieri, Capannori per 3-0, nell’ultima giornata, la prima di ritorno, arrivano anche risultati che pongono le ragazze di Gobbini ora in quarta posizione. Le abruzzesi di Altino perdono infatti in casa, 1-3 con Castelnuovo Rangone nel big match di giornata. Cesena soffre, 3-2 con Castelfranco di Sotto, ma ecco i risultati:
San Giustino-Capannori 3-0
Altino- Castelnuovo 1-3
Cesena- Castelfranco 3-2
Perugia-Empoli 3-0
Ancona-Trevi 0-3
Montespertoli-Macerata 0-3
Quarrata-Moie 3-0
Questa la classifica:
Macerata 39, Castelnuovo 35, Cesena 31, San Giustino e  Altino 28, Trevi 27, Capannori 23, Castelfranco 17, Empoli 16, Perugia e Quarrata 14, Montespertoli 11, Ancona 7, Moie 4.
San Giustino femminile 2018-2019

San Giustino travolge Trevi

SAN GIUSTINO – TREVI 3-0 (25-20, 25-17, 25-16)

SAN GIUSTINO: Betti, Borelli 8, Galetti (L) ricez. 67%, Mearini 15, Silotto 13, Tosti 19, Romani 5, Giordano 2. Non entrate: Marinangeli, Leonardi, Mezzasoma. All. Marco Gobbini e Claudio Nardi.
TREVI: Di Arcangelo, Della Giovampaola, Tiberi 3, Monaci, Ciancio (L) ricez. 71%, Roani 5, Capezzali 13, Cruciani 9, Sabbatini, Cappelli 4, Casareale. Non entrata: Patasce. All. Gian Paolo Sperandio e Albino Bosi.

Arbitri: Giorgia Adamo di Roma e Christian Battisti di Latina.

San Giustino veniva dall’aver impegnato la capolista Macerata, Trevi dall’aver travolto l’ex leader Cesena. Alla fine hanno vinto, 3-0, le ragazze di Gobbini e San Giustino supera così in classifica le trevane. La vittoria del carattere, del collettivo e della sua compattezza. La vittoria di una squadra che ha lavorato bene in battuta, a muro e soprattutto in difesa, dove tutte le singole si sono prodigate. Sostenuta da un PalaVolley più affollato del solito e da tutte le rappresentative giovanili che hanno sfilato negli intervalli fra i set, San Giustino si è imposta nettamente per 3-0 nel derby umbro Prestazione di alto livello da parte di tutte le atlete in nerofucsia, abili nel guadagnare sempre un buon margine di vantaggio al via di ogni frazione per poi contenere i tentativi di rimonta delle avversarie.

SAn Giustino femminile Carlotta Romani 2

Romani Carlotta

La compagine di Marco Gobbini ha per giunta concluso una settimana non certo facile: l’attacco influenzale che aveva colpito Carlotta Romani si è infatti aggiunto alla perdurante indisponibilità dell’infortunata Elisa Mezzasoma, anche se la laterale marchigiana è scesa comunque in campo e ha fatto il suo. Capitan Silvia Tosti, autrice di 19 punti, è stata un’autentica trascinatrice in grande condizione di forma; le due centrali sono oramai una garanzia (15 punti e ben 7 muri vincenti di Valentina Mearini), ma una citazione particolare è doverosa per Giorgia Silotto, l’attaccante che da tre gare sta sostituendo Elisa Mezzasoma in posto 2 e che con 13 punti e 4 muri (più ottime difese) ha dimostrato di essere in netta crescita. Nel Trevi, ha alzato a tratti la voce l’opposto Alessandra Capezzali (13 punti), giocatrice dalle indubbie potenzialità e anche la centrale Corinna Cruciani ha spesso fatto ricorso alla sua esperienza, mentre è mancato l’apporto di Elena Cappelli, che contro Cesena era stata fra le migliori.
Si comincia con Gian Paolo Sperandio, tecnico della Lucky Wind, che conferma in regia la fiducia ad Aurora Di Arcangelo; Alessandra Capezzali è l’opposto, Marina Tiberi e Corinna Cruciani formano la coppia centrale, Manuela Roani ed Elena Cappelli agiscono a lato e Sara Ciancio ricopre le mansioni di libero. Senza la Mezzasoma, coach Gobbini ripropone la diagonale composta da Benedetta Giordano e Giorgia Silotto, con al centro Valentina Mearini e Francesca Borelli, alla banda Silvia Tosti e Carlotta Romani e libero Nayma Galetti.

San Giustino femminile Elisa Mezzasoma

Mezzasoma Elisa

Alla fine clima di festa al PalaVolley per questa vittoria. E anche Marco Gobbini sorride: “Sapevamo che il Trevi è un’ottima squadra – esordisce il tecnico di San Giustino – come sapevamo che se gli avessi lasciato qualcosa ne avrebbe subito approfittato. Era una partita che avremmo dovuto giocare molto in battuta e in difesa: in effetti, non abbiamo fatto cascare nulla. Sono contento anche perché siamo usciti al meglio da un’altra settimana complicata, con Carlotta Romani febbricitante e con Elisa Mezzasoma ancora ferma; speriamo di recuperarla al più presto. Oggi abbiamo dimostrato di essere un gran gruppo, mettendo in campo un carattere che si è evidenziato in difesa, dove abbiamo lottato persino su palloni impossibili”. I complimenti alla squadra arrivano anche dal presidente Marco Brozzi: “Gran bella prestazione delle nostre ragazze, sono state davvero brave”.

 

 

Gran derby tra San Giustino e Trevi. B1 femminile pronta allo spettacolo.

Ultima giornata della fase di andata con  il derby di cartello, quello di sabato 19 gennaio (inizio come sempre alle 17) sul taraflex del PalaVolley: è in palio, tra San Giustino e Trevi, anche la leadership fra le umbre del girone e finora è stata una serie di sorpassi e controsorpassi fra le formazioni di Marco Gobbini e di Gian Paolo Sperandio. A questa partita, le trevane si presentano con 2 punti in più rispetto alle sangiustinesi e con un quinto posto in classifica a -2 dalla zona play-off; d’altro canto, San Giustino sa che con una vittoria piena tornerebbe davanti alle avversarie e continuerebbe a rimanere in lotta per l’appendice di campionato che vale la promozione. Ma c’è di più: Trevi è reduce dalla netta affermazione per 3-0 sul forte Cesena, frutto di quella che le cronache hanno definito come la migliore prestazione fin qui messa in mostra.

San Giustino femminile Silvia Tosti

Tosti

Al contempo Tosti e compagne, pur perdendo per 1-3, hanno saputo mettere alle corde la capolista Macerata. La gara si preannuncia vibrante, intensa e soprattutto incerta nel pronostico, come dire che ci sta proprio di tutto fra due avversarie che oramai si conoscono fin troppo bene. Fra le novità del momento in casa Trevi, l’impiego in regia di Aurora Di Arcangelo con Alessandra Capezzali opposto, la coppia centrale confermata – ovvero Martina Tiberi e Corinna Cruciani – e le due bande di indubbio spessore che sono arrivate quest’anno: Manuela Roani ed Elena Cappelli. Completa lo scacchiere base il libero Sara Ciancio. Come si può notare, quindi, un 6+1 davvero rimarchevole, che si sta rendendo protagonista di una eccellente stagione, pur avendo a volte peccato in continuità. Per ciò che riguarda San Giustino è l’atteggiamento del gruppo la grande dote che sta emergendo in un momento nel quale sul piano fisico la situazione non è ottimale; mettiamoci poi il fattore campo, che per San Giustino è sempre stato un valore aggiunto. Si capisce quindi che qualsiasi pronostico della vigilia potrebbe essere smentito dai fatti.

San Giustino silotto e borelli muro castelfranco

Silotto e Borrelli

Coach Gobbini riproporrà la diagonale con Benedetta Giordano e Giorgia Silotto, il duo Valentina MeariniFrancesca Borelli al centro, capitan Silvia Tosti, ex di turno, e Carlotta Romani alla banda e Nayma Galetti libero, con Elisa Mezzasoma, Stefania Betti, Laila Leonardi e Giada Marinangeli pronte all’evenienza. Coppia mista laziale designata per il match: primo arbitro Giorgia Adamo di Roma, secondo arbitro Christian Battisti di Latina. Sarà un pomeriggio a suo modo festa: per l’occasione, infatti, sfileranno in campo tutte le rappresentative giovanili del San Giustino Volley assieme al responsabile di settore, Francesco Moretti e ai rispettivi allenatori e dirigenti addetti; giusta passerella, quindi, per il gruppo del minivolley e per le compagini Under 12 bianca, Under 12-13 azzurra e poi Under 18, con una larga rappresentanza di ragazze che prendono parte anche al campionato di Serie D.

 

 

San Giustino pronto per Trevi

Stop a Macerata, ma contro la capolista forse era prevedibile. È però proprio destino che quando San Giustino incontra le marchigiane debba avere a che fare con assenze importanti. Stavolta il forfait è stato quello di Elisa Mezzasoma, lo scorso anno fu invece il giudice sportivo a togliere per squalifica Silvia Tosti, che però era in campo a Macerata. Non solo: è stata la miglior realizzatrice di San Giustino  con 14 punti. Anche a bocce ferme, tuttavia, dopo lo stop per 3-1 la punta di amaro rimane. E allora, giriamo a Silvia Tosti la domanda secca: a Macerata una bella occasione perduta.

San Giustino femminile Silvia Tosti 2

Tosti Silvia

“Sì, assolutamente – risponde senza alcuna esitazione – perché credo che se fossimo state a pieno regime ci sarebbe scappato il quinto set e magari anche un bel colpaccio. In condizioni di emergenza, come esattamente eravamo sabato scorso, il pronostico poteva essere favorevole a Macerata, ma per come sono andate le cose direi proprio di no. Certamente – questo bisogna ammetterlo – loro ci avevano studiato nei minimi dettagli”. A giudicare dai fatti, però, anche voi avevate fatto altrettanto. “Sì, è vero. Il problema è che nei momenti importanti del match noi abbiamo commesso qualche errore di troppo rispetto alle nostre avversarie. Il risvolto in positivo della situazione è dato dal fatto che siamo riuscite a giocare bene anche senza Mezzasoma, nel senso che la sua mancanza non ci ha condizionate. Lo ritengo un ulteriore segnale di maturità da parte del gruppo, anche se ovviamente confidiamo in un rapido ritorno di Elisa, della quale abbiamo bisogno”.
San Giustino, però, ora è un’altra squadra sul piano mentale.
SAN GIUSTINO con antonella piccini (002)“C’è un’altra convinzione e soprattutto c’è un altro spirito, specie fuori casa. Ci siamo rese conto di potercela giocare e ancora la fase di andata non è terminata. Quattro soli punti di ritardo dalla zona play-off, con più di mezzo campionato ancora davanti, debbono stimolarci a lottare fino in fondo, nonostante dopo Macerata, Montale Rangone e Cesena vi sia Altino, altro grande incomodo che ha avuto finora un cammino altalenante. Diciamo che è tutta da vedere”.
Anche perché di qui alla sesta di ritorno il calendario prevede 5 partite casalinghe su 7. “Sarà a suo modo determinante il risultato del derby di sabato prossimo, perché costituirà una grande iniezione di fiducia”.
Al PalaVolley arriverà infatti Trevi
“Di sicuro, non ci sarà bisogno di visionare i filmati. Il bello è che nelle partite amichevoli abbiamo sempre pareggiato, per cui su questa sfida di campionato grava una grossa incognita. Trevi è una compagine equilibrata e con atlete di grande esperienza, alla quale è però mancato finora qualcosa a livello di continuità. Vogliamo una vittoria che faccia classifica e morale: anche la successiva pausa di metà campionato la potremmo di conseguenza vivere con un atteggiamento migliore”.

San Giustino Volley settore giovanile. Grossi passi avanti.

L’inizio del nuovo anno è l’occasione per fare il punto sul settore giovanile del San Giustino Volley e la parola passa a Francesco Moretti, che dalla scorsa estate è il responsabile di tutta l’attività. Cominciamo dalla rappresentativa Under 18, affidata a Manuela Di Crescenzo e Antonio Leonardi. “Un doppio impegno per questo gruppo – ricorda Moretti – che sta dominando il campionato di categoria Csi, mentre sta pagando il noviziato in quello regionale di Serie D, con un solo punto conquistato in 11 partite e l’ultimo posto in classifica. Trattandosi di una squadra composta da due atlete nate nel 2002 e dal resto suddiviso fra 2003 e 2004 (abbiamo quindi anticipato i tempi), ci poteva benissimo stare di affrontare la D con qualche problema ma vi sono un paio di pedine che in prospettiva possono aspirare a entrare nella rosa della B1”.
Buone notizie dall’Under 13.

under 13 e under 12 (002) San Giu

Under 13- Under 12

“Certamente! Anche in questo caso, siamo davanti a uno stesso gruppo che si cimenta su due fronti con importanti risultati: al momento, è terzo nell’Under 13 e primo nell’Under 12, che è il suo campionato per appartenenza anagrafica. Elementi molto interessanti che possono contare sulla guida tecnica di Fabrizio Bruschi”.
E l’altra rappresentativa Under 12?
Ha appena iniziato il campionato promozionale, vincendo un set in due gare. Sono giovani nate negli anni 2008 e 2009, delle quali si occupa Althea Giulietti, che sta facendo altrettanto con il minivolley. Abbiamo in mente per sabato 19, in occasione della partita casalinga della in B1, contro Trevi, di presentare al PalaVolley l’intero settore giovanile”.
Giudizio finale.
“Diciamo  che regna un clima molto buono e che il lavoro portato avanti finora, improntato sulla qualità, ha prodotto esiti soddisfacenti.”.

under 12 promozionale (002) San Giu

Under 12

 

Vince San Giustino a  Trevi nella penultima amichevole in vista della B1 femminile.

Siamo oramai a pochi giorni dall’inizio della serie B 1 femminile di pallavolo, il via il 13 ottobre, e San Giustino ha effettuato un test importante a Trevi vincendo  3-1. Perso il primo set per 23-25, si è poi imposta negli altri con i parziali di 25-18, 25-23 e 25-19, destando una buona impressione a livello complessivo. Soddisfatto il tecnico Marco Gobbini: “Una prestazione che mi ha convinto – ha detto – e che allo stesso tempo ha fatto capire quanti margini di miglioramento vi siano ancora da sfruttare. Dobbiamo crescere in difesa, soprattutto per ciò che riguarda la fase di ricostruzione, presupposto base per poter poi pungere di più con il nostro attacco, che comincia a mettersi in evidenza”.

San Giu romani attacco

Romani

In posto 4, Gobbini ha fatto ruotare le tre schiacciatrici – Silvia Tosti, Giorgia Silotto e Carlotta Romani – ma un buon contributo è arrivato anche da Stefania Betti, il jolly che potrà essere utilizzato tanto alla banda quanto nelle mansioni di opposto.
San Giustino si ritroverà la mattina di lunedì 8 ottobre per iniziare la settimana che si concluderà sabato sera, con l’esordio stagionale,alle ore 21, a Capannori, in provincia di Lucca, contro una matricola del torneo.
C’è tuttavia un’ultima amichevole in calendario, quella programmata per martedì 9 ottobre a Perugia contro la 3M Pallavolo, anch’essa avversaria di campionato.

 

San Giustino si aggiudica il triangolare femminile di pallavolo

San Giustino, che milita nel campionato di B1 femminile,  si aggiudica il triangolare amichevole con Trevi e Montespertoli.
Le tre compagini saranno avversarie nel girone C della B1 e questo test riveste per ognuna di esse importanza dopo un mese di preparazione.Ogni match prevedeva la disputa di tre set, l’ultimo dei quali con il tie-break.Al di là dell’esito finale, San Giustino ha offerto in diversi frangenti una buona impostazione di gioco, seppure con gli inevitabili aggiustamenti che ancora dovranno essere apportati, ma la sensazione emersa è che il gruppo, sul piano mentale, stia sempre più calandosi in quella che sarà la realtà del campionato.

san-giustino-femminile-palalvolo.jpg

San Giustino

Questi i risultati di San Giustino che ha battuto Trevi 2-1 (25-23;22-25;15-9)
San Giustino: Betti, Borelli 5, Galetti (L) ricez. 93%, Mearini 13, Silotto 4, Tosti 4, Romani 1, Mezzasoma 16, Giordano. Non entrate: La. Leonardi e Li. Leonardi. All. Marco Gobbini e Claudio Nardi.
San Giustino- Montespertoli 2-1 ( 25-13;25-11; 13-15)
San Giustino: Betti 5, Borelli 5, Galetti (L1) Mearini 10, Silotto 3, La. Leonardi 1, Tosti 9, Romani 5, Mezzasoma 4, Giordano 1, Li. Leonardi (L2) All. Marco Gobbini e Claudio Nardi.
La terza gara ha visto Trevi battere Montespertoli 2-1 (25-19, 25-27, 15-11).

L’analisi dello stop di San Giustino con Macerata assieme a Eleonora Fastellini.

San Giustino fastelliniAssente la squalificata Silvia Tosti, è stata chiamata per la prima volta, quest’anno, a giocare una partita piena da titolare in una gara terminata al tie-break. Eleonora Fastellini per una sola pausa nel primo set, con l’ingresso al suo posto di Mirka Francia, poi è tornata senza più uscire, offrendo una dignitosa prestazione in attacco come sui turni in battuta e in difesa. La 32enne Fastellini, schiacciatrice di un San Giustino,  che sabato scorso ha ceduto in casa per 2-3 a Macerata dopo aver accarezzato sul 2-0, assieme alle compagne, il sogno di una vittoria che sarebbe stata davvero preziosa.
Hai avvertito la mancanza del ritmo partita?
“Diciamo che ero comunque pronta per scendere in campo, come lo sono sempre stata – dichiara la Fastellini – e questo perché da agosto ad oggi ho lavorato con continuità in palestra e sul piano fisico. Non a caso, ho retto bene tutti e cinque i set”.
Soddisfatta del tuo comportamento in campo?
San Giustino fastellini a muro con iacobbi“Non proprio, perché quando si perde è difficile essere soddisfatti. Si tratta di uno sport di squadra, per cui o vinciamo o perdiamo tutte”.
Cosa è successo dopo che vi eravate spianate la strada andando sul 2-0?
“Non è vero che abbiamo pensato che fosse fatta, pur con la netta affermazione nel secondo set. Il problema è che facciamo fatica nel gestire gli errori. Magari ne commettiamo soltanto uno-due, però nei momenti topici del set e allora perdiamo quella lucidità che ci permette di fare le cose di cui siamo capaci”.
Play off sfumati?
San Giustino fastellini ricezione padova (2)“E chi lo dice? Potrebbero benissimo perdere punti anche le altre concorrenti, magari in circostanze impensabili. È chiaro che d’ora in poi non dobbiamo più sbagliare nulla, ma è proprio per questo motivo che – a maggior ragione – dobbiamo stare concentrate. Sgomberiamo allora il campo da facili conclusioni: con la testa non siamo assolutamente in vacanza. Continueremo a lottare come abbiamo sempre fatto, correggendo possibilmente le nostre pecche”.
Macerata ha compiuto un passo importante verso il terzo posto; è da considerare pertanto la favorita numero uno? “A dire il vero, mi ha lasciato una buona impressione il Castelfranco di Sotto, alcune sue atlete giocano insieme da tempo, quindi è un gruppo amalgamato e poi tutte le singole si esprimono secondo uno standard ben livellato. Personalmente, la vedo come una fra le squadre in assoluto più compatte. Macerata, a mio avviso, ha qualcosa in meno sotto questo profilo. Ci sarebbe poi Trevi, che ha una formazione base davvero forte, ma credo che a penalizzarla sia la panchina corta”.

 

Castelfranco tappa fondamentale per i play off di San Giustino. La parola a Elisa Mezzasoma.

san-giustino-mezzasoma-bagher.jpg

Mezzasoma in bagher

Anche nel derby vinto contro Perugia ha realizzato 27 punti; in alcune partite ha raggiunto quota 30, questa è  Elisa Mezzasoma, opposto di San Giustino, una giocatrice che non ha certo bisogno di presentazioni e crediamo di non esagerare nel definirla la più forte attaccante dell’intera B1. A lei il compito di analizzare il 3-1 di sabato scorso con Perugia e di presentare il prossimo impegno di campionato, che molto dirà sul ruolo che la squadra di Marco Gobbini potrà esercitare in questa fase finale della stagione regolare.
“Nel primo set (quello perso per 8-25 n.d.a.) eravamo ancora nello spogliatoio – afferma la Mezzasoma – ma poi abbiamo ripreso in mano la partita, seppure con i nostri alti e bassi”.
Avevate affrontato l’impegno con eccessiva sufficienza?

San Giustino mezzasoma attacco posto 2

Mezzasoma posto 2 in attacco

“Contro Perugia abbiamo disputato diverse amichevoli nel corso di questa stagione, per cui le conoscevamo e sapevamo che il loro penultimo posto era, sotto molti aspetti, bugiardo. Non so allora se sia inconsapevolmente scattato un particolare meccanismo che all’inizio ci ha bloccate. Nella prima frazione abbiamo commesso 14 errori, ossia la metà di quelli dell’intera partita. Da quel momento in poi, ci siamo riordinate”.
A parte la trasferta di San Lazzaro, da quando è iniziato il 2018 avete sempre mosso la classifica.

San Giustino mezzasoma attacco pontedera

Mezzasoma contro Pontedera

“Rispetto alla fase di andata, stiamo andando meglio e questo è frutto anche della coesione del gruppo. In casa ci facciamo rispettare e in trasferta, adesso, le partite le affrontiamo con un altro atteggiamento, l’impasse dei mesi scorsi lo abbiamo superato”.
Dopo qualche tuo acciacco accusato, la condizione fisica è di nuovo a posto?
“Sì, ho recuperato bene e poi i dolori bisogna lasciarli sempre alle spalle”.
Sabato prossimo, l’impegno di Castelfranco di Sotto, poi prima della pausa pasquale la sfida casalinga contro macerata; sono le due partite chiave per i play-off?
“Senza ombra di dubbio. Soltanto vincendo possiamo rimanere in corsa, altrimenti sarà dura.
In questa lotta a cinque per agguantare i play-off, quale avversaria ritieni più insidiosa?
“Trevi è forte e ben organizzata, tuttavia credo che il vero osso duro sarà Macerata, non molla mai e, come noi, si è messa già alle spalle San Lazzaro e Sassuolo, però dovrà venire qui a San Giustino dove non facciamo sconti a nessuno!”.

 

 

B1 femminile: autorevole prestazione di San Giustino. Battuto Trevi 3-1

SAN GIUSTINO tosti esultanza fine partita

Capitan Tosti esulta a fine match con Trevi

E’ proprio vero, tra le mura amiche del Palavolley di San Giustino, le ragazze di Marco Gobbini sembrano imbattibili ed anche la terza forza del campionato, Trevi, deve soccombere per 3-1. Un solo black-out, nel terzo set, a margine della migliore prestazione stagionale.
San Giustino impone la “legge” del PalaVolley anche nel derby umbro con le avversarie che si fermano a 5 vittorie consecutive. Il gran temperamento della formazione di Marco Gobbini, ora quinta nella classifica del girone C di Serie B1 a -2 dalla zona play-off, è stato alla fine più forte anche dei problemi fisici che avevano accompagnato qualche atleta nel corso della settimana. Tre i fondamentali che hanno fatto la differenza in favore delle biancazzurre: la battuta, caratterizzata dalla precisa tattica finalizzata a “disinnescare” la più prolifica attaccante avversaria, Michela Catena, la quale ha ricevuto ben 52 palloni; il muro, con una supremazia netta tanto sui colpi vincenti (19 contro 5) quanto sulle spizzicate e poi la difesa, determinante nella costruzione della vittoria. San Giustino migliore anche in attacco ed entrambe le formazioni poco ordinate in ricezione.

SAN GIUSTINO Mezzasoma e Mearini muro su Catena

Mezzasoma e Mearini a muro su Catena

Elisa Mezzasoma ha messo insieme 26 punti con un 40% di positivo e Valentina Mearini, oltre che in fase realizzativa, ha fatto la voce grossa al centro anche con 8 muri punto. Sul versante trevano, la Catena è al 33% di incisività (18 punti), la Cruciani ha garantito il suo apporto senza particolari acuti e a sostenere la squadra in più frangenti è stato il potente mancino di Alessandra Capezzali, che nello score è salita a quota 16.
Un grande elogio alla squadra da parte dell’allenatore Marco Gobbini a fine partita. “Come si usa dire in gergo, tutte le singole hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo – ha esordito il tecnico di San Giustino – dopo un inizio nel quale erano un po’ contratte. Poi però hanno cominciato a mettere a frutto fondamentali quali la battuta, il muro e la difesa, che specie nel secondo set ha lavorato veramente al massimo”.
Miglior partita giocata finora dalla squadra?

Gobbini-Marco all.San Giustino

Marco Gobbini

“Sì, nonostante qualche acciacco fisico che ci perseguita, ma in casa le ragazze giocano veramente bene. Sono in nove e costituiscono un gruppo molto unito, per cui ribadisco il concetto: in primis, alleno persone in gamba e poi atlete, con la società che ci sta sempre vicino”.

 

 

San Giustino- Trevi 3-1 (25-23;25-13;22-25;25-14)

SAN GIUSTINO: Iacobbi 5, Stincone 4, De Stefani 14, Mearini 14, Tosti 7, Mezzasoma 26, Marinangeli (L) ricez. 48%. Non entrate: Fastellini, Leonardi. All. Marco Gobbini e Claudio Nardi.
TREVI: Rumori (L1) ricez. 52%, Tiberi 1, Monaci, Gemma 1, Capezzali 16, Cruciani 10, Catena 18, Ubertini 1, Muzi 2. Non entrate: Bozzi, Vujevic, Sabbatini (L2), Leorsini. All. Francesco Tardioli e Albino Bosi.

Arbitri: Dalila Villano di Terni e Beatrice Cruccolini di Perugia.
Durata set: 28’, 23’, 29’ e 24’, per un totale di un’ora e 44’.