A Sansepolcro: Ugo Russo e i mitici anni sessanta.

Il passato per un futuro più significativo
Sarà presentato questo pomeriggio, alle 17, nella sala conferenze della Biblioteca Comunale “Dionisio Roberti” a Sansepolcro, l’ultimo lavoro di Ugo Russo, una delle voci storiche di “Tutto il calcio minuto per minuto”.
Si tratta del sesto impegno del giornalista scrittore romano nella sua lunga carriera:”Quanto erano belli gli anni sessanta”.

Ugo Russo 2

Ugo Russo

Un vero e proprio excursus, un ritorno al passato per cercare di costruire un futuro migliore, legato alla famiglia, alle amicizie, allo sport, alla cultura, alla politica, alla scuola come punto di riferimento per la formazione dei ragazzi. Il rispetto che aleggiava, ma soprattutto la sincerità, l’altruismo. Appuntamento, oggi pomeriggio, alle 17, nelle sale della Biblioteca Comunale di Sansepolcro in Via XX Settembre, per salutare il Presidente onorario, dal 2016, del Vivi Altotevere Sansepolcro, il giornalista Ugo Russo, tanto attaccato alla città di Piero della Francesca, che ha voluto abbracciare e ricordare nuovamente, anche per la sua recente nomina a cittadino onorario di Sansepolcro, dedicandole questa bella “chicca” per un mondo che tutti vorremmo …..riacquistare.
“Ho cercato, ci dice Ugo Russo, di rivivere una circostanza particolare, quasi emblematica per la nostra Italia, i mitici anni ‘60 dove si riscoprono l’amicizia, quella vera, la famiglia, la scuola, la politica, i rapporti con gli altri, con lo sport, con la vita di tutti i giorni che ci ripianerebbe,oggi, riassaporare di nuovo”.

 

 

Il passato per un futuro più significativo

Uno sguardo, un  ritorno al…passato per un occhio al futuro, tutto questo grazie a
Ugo Russo, voce storica di “Tutto il Calcio Minuto per Minuto”, cittadino onorario di Sansepolcro, che presenterà proprio nella terra di Piero della Francesca il suo ultimo lavoro, il sesto, che nella  lunga carriera di giornalista e scrittore ha realizzato: “Quanto erano belli gli anni Sessanta”.
Appuntamento sabato 27 ottobre per incontrare una delle più significative voci dello sport  e della radio italiana, dal 2016 Presidente onorario del Vivi Altotevere Sansepolcro, Ugo Russo, e per avvicinarsi di nuovo a quel fantastico periodo assieme alla lettura di “Quanto erano belli gli anni Sessanta” l’ultimo lavoro del giornalista romano, tanto attaccato a Sansepolcro e alla Valtiberina, che sarà presentato alle 17,  nella sala conferenze della Biblioteca Comunale “Dionisio Roberti” a Sansepolcro.
VA SANSEPOLCRO UGO RUSSO

 

 

La “Clessidra”: appuntamento con il mondo del calcio a Sansepolcro

Il via, per una lunga serata, è previsto alle 18,30 nello scenario del Borgo Palace Hotel con le premiazioni della “Clessidra”, il riconoscimento che la società Vivi Altotevere Sansepolcro, consegna, ogni anno a personaggi del mondo calcistico. Martedì 20 marzo sarà quindi un’altra data da ricordare.
L’appuntamento è diventato quasi una istituzione con personaggi di spicco del mondo calcistico e non solo.  Riconoscimenti che saranno assegnati durante l’incontro, sempre attesissimo dalle tante società calcistiche invitate che parteciperanno poi, alla 28^ edizione del Torneo Giovanile Città di Sansepolcro.

Rizzoli Nicola

Nicola Rizzoli

La serata sarà presentata dall’ex giornalista Rai di “Tutto il calcio minuto per minuto”, Ugo Russo, per l’occasione anche direttore artistico dell’incontro e dal collega Massimo Boccucci. Tanti i personaggi che hanno già ricevuto il premio, basta ricordarne alcuni: tra i giocatori Ottoni e Torricelli, per i tecnici Maurizio Sarri, Nevio Scala, Beppe Iachini, Giuseppe Sannino, il ds viola Pantaleo Corvino, il Presidente dell’asso calciatori, Damiano Tommasi, oppure l’arbitro internazionale Nicola Rizzoli o i giornalisti Ugo Russo, Donatella Scarnati, Gianfranco De Laurentis e Sabrina Gandolfi e alle porte c’è un’altra serata da ricordare.
L’evento sarà inaugurato  dalla lettura dei saluti inviati dal Presidente del Coni Giovanni Malagò; poi le premiazioni.

leonardo-semplici-1024x683

Leonardo Semplici

Ospite dell’appuntamento sarà quest’anno la Spal, salita ai vertici dell’attenzione anche dopo il pari imposto, nell’ultima giornata di campionato, uno 0-0 storico, alla Juventus e che porterà con sé l’allenatore dei “miracoli” Leonardo Semplici, passato dai dilettanti, in pochi anni, alla serie A, facendo tutta la gavetta calcistica, che riceverà il premio “La Clessidra”. Con lui  il patron ferrarese Colombarini per il Premio Speciale “Esempio di Gestione nell’Azienda Calcio” e il presidente Mattioli, Premio “Presidente dell’Anno”, mentre un vicecampione del mondo nel 1970 in Messico, Giancarlo De Sisti, ex viola ed ex giallo rosso, campione d’Europa nel 1968 a Roma contro l’allora Jugoslavia con la nazionale italiana, riceverà il riconoscimento “La Clessidra alla carriera”.

Bruno-Gentili

Bruno Gentili

Giorgio Perinetti, direttore generale del Genoa, avrà il premio “Dirigente dell’anno” mentre il riconoscimento giornalistico “Piero della Francesca” verrà consegnato a Bruno Gentili, vicedirettore di Rai sport.
Altro ospite, che riceverà il premio, “Qualità e Signorilità”  sarà l’ex attaccante Massimo Palanca, con trascorsi al Napoli e a Catanzaro, mentre alla coppia che viene dalla vicina Cesena, formata da  Rino Foschi il riconoscimento “Come crescere i talenti” e al miglior giovane, Nicola Dalmonte  ”La Leva Calcistica della classe ‘97” .
Presente, naturalmente, l’intero staff del Sansepolcro calcio, o Vivi Altotevere che dir si voglia, oltre al cantautore Aldo Caponi, in arte “Don Backy”, che, dall’alto dei suoi 78 anni è per tutti gli amanti della musica un punto di rifermento, un autentico spaccato dell’Italia anni settanta.