Compostiere e sgravi fiscali, l’iniziativa del Comune. Ne dà notizia l’assessore Marconcini. Ecco di cosa si tratta

Promuovere l’attività di compostaggio domestico per una sempre più corretta gestione dei rifiuti, per diminuire lo smaltimento in discarica e per risparmiare. L’amministrazione comunale di Sansepolcro sta aggiornando l’albo dei compostori su base volontaria. Così come previsto dal Regolamento Comunale, agli stessi sarà applicata una riduzione del 10% sulla TARI.
I cittadini possono dotarsi autonomamente di una compostiera e poi, per farsi riconoscere lo sgravio, inviare una mail all’indirizzo protocollo.comunesansepolcro@legalmail.it mettendo nell’oggetto: “Compostiere per sgravio TARI” fornendo i seguenti dati: nome e cognome  dell’iscritto a ruolo Tari; indirizzo di residenza e dell’ubicazione della compostiera; numero di telefono; volume della compostiera litri e/o metri cubi (specificare se calcolato o ricavato dalla scheda tecnica o riportato sulla compostiera stessa). Alla mail dovrà essere allegato l’apposito modulo compilato e il documento di identità.
assessore-marconciniIl termine per presentare la domanda è l’8 aprile 2020, data entro la quale il Comune vorrebbe ricostruire il quadro completo dei compostori per richiedere il relativo accreditamento sulla raccolta differenziata che ATO Toscana Sud riconosce ai comuni che smaltiscono una parte dei propri rifiuti tramite il compostastaggio.
“Dobbiamo assolutamente ridurre la quantità di rifiuti prodotti e con le compostiere possiamo farlo, realizzando una filiera virtuosa del riciclo – dichiara l’assessore ai Beni Comuni Gabriele Marconcini – Con la riduzione dell’inquinamento si possono ottenere anche benefici economici. Un ringraziamento va alle Pro Loco di Santa Fiora, Gricignano, Gragnano, Cisa, Trebbio che aiuteranno il Comune nella diffusione delle informazioni e sosteranno i cittadini nel reperimento delle compostiere”.
sansepolcro-veduta-aerea2 (002)Il compostaggio è un processo biologico di decomposizione delle sostanze organiche che produce il terriccio, utilizzabile come fertilizzante. Ecco cosa selezionare per la compostiera: scarti alimentari (residui di frutta e verdura, fondi di tè e caffè, gusci di uova spezzettati, avanzi di cibo); scarti del giardino e dell’orto (potature, foglie secche, fiori appassiti, erba); scarti biodegradabili (carta non patinata, cartone, trucioli di legno non trattato); solo in piccole quantità: le foglie di piante resistenti alla degradazione come magnolia, noce castagno, aghi di conifere, lauroceraso. La campagna informativa e la Guida al compostaggio domestico sono realizzati in sinergia da Comune di Sansepolcro e Sei Toscana.
Per informazioni, i cittadini possono visitare il sito internet del Comune (www.comune.sansepolcro.ar.it) o contattare i referenti delle Pro Loco oppure telefonare a: Urp: 0575 732687 – 0575 732688; Ufficio Ambiente: 0575 732289 – 0575 732274

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...