L’Accademia Karate Casentino è la seconda miglior società della Toscana

Accademia Karate Casentino - Settore giovanile (1) (002)L’Accademia Karate Casentino è la seconda miglior società in Toscana e la migliore della provincia di Arezzo. Ad averlo decretato è direttamente la federazione che ha pubblicato la “Classifica delle società 2019”, stilando una graduatoria che riunisce tutte le realtà nazionali di karate e che deriva dai risultati sportivi raggiunti nei campionati italiani della scorsa stagione. Una delle maggiori sorprese è rappresentata proprio dal piazzamento dell’Accademia Karate Casentino che si è collocata al 36° posto tra 497 società, risultando al secondo posto della Toscana alle spalle del solo Team Karate Puleo di Firenze e al primo posto assoluto della provincia di Arezzo. Questi risultati confermano il rapido sviluppo del movimento guidato dal presidente Luca Boldrini che, con sedi a Rassina e alla palestra Body House di Bibbiena, fa oggi affidamento su quasi cento atleti, è diventato un punto di riferimento per lo sport casentinese con risultati che hanno permesso in un solo anno di scalare ben 216 posizioni (nel 2018 occupava il 252° posto della classifica nazionale).
Accademia Karate Casentino - Settore giovanile (2) (002)

Il risultato più importante della scorsa stagione è rappresentato dalla vittoria di due medaglie ai Campionati Italiani con Elisa Liguri del 2004 nei -80kg, con il titolo di campionessa nazionale tra i Cadetti e con il bronzo nella categoria superiore degli Juniores. Due finali per il bronzo sono arrivate ai Campionati Italiani Esordienti A rivolti agli atleti del 2007 con Laura Abenante nei -37kg e con Iris Bernacchi nei -57kg, mentre le stesse Liguri e Abenante insieme ad Andrea Cherubini del 2002 e a Michela Farsetti del 2005 hanno ben figurato in numerose competizioni internazionali e hanno meritato la chiamata in alcuni raduni della nazionale giovanile.

La crescita tecnica e caratteriale dei ragazzi dell’Accademia Karate Casentino è avvenuta anche per merito dell’inserimento nello staff tecnico del maestro Filippo Oretti che, dopo una carriera di grandi successi nazionali e internazionali, ha deciso di dedicarsi esclusivamente all’insegnamento della disciplina. Il tecnico ha iniziato il 2020 con la scelta di ritirarsi dall’attività sportiva agonistica e, in occasione dell’ultimo Open di Toscana, è stato premiato dal presidente del Comitato Regionale Enzo Bertocci per il contributo portato al karate tricolore in virtù di un palmares con undici medaglie ai Campionati Italiani, un bronzo ai Giochi del Mediterraneo con la nazionale italiana giovanile, un settimo posto ai Campionati del Mondo giovanili e una partecipazione ai Campionati Europei. «Il 36° posto nazionale – commenta Boldrini, – è motivo di orgoglio e di soddisfazione che ripaga di tanti anni di sacrifici e di impegno per consolidare la nostra disciplina in Casentino e per costruire un bel settore giovanile: siamo riusciti a portare una piccola realtà di vallata tra le grandi società del karate italiano».

 

 

Il calcio sopra le barricate

BARRICATEUna serata per rivivere il 1968, quando l’Italia vinceva il suo unico Europeo di calcio, battendo nella finale bis di Roma, la Jugoslavia per 2-0, dopo che la prima finale era terminata 1-1. Un momento, una giornata, che caddero in mezzo ad occupazioni universitarie e guerriglie urbane. Sabato 24 marzo, alle 21.00, il salone della biblioteca comunale di Bibbiena ospiterà la presentazione del libro “Il calcio sopra le barricate”, l’ultima opera dell’autore aretino Francesco Caremani che celebra il trionfo azzurro, a cinquant’anni esatti, ricostruendo un importante spaccato di quella storica annata tra sport e quotidianità. L’evento, moderato da Elisabetta Gangi dell’associazione culturale Milleforme, vedrà lo scrittore aretino dialogare con un grande protagonista del calcio italiano come Renzo Ulivieri, attuale presidente dell’Associazione Italiana Allenatori Calcio.
Tra ricordi e aneddoti, il libro rivive le emozioni della semifinale vinta contro l’Urss, con la monetina, e della doppia finale giocata contro la Jugoslavia per arrivare ad una vittoria attesa e meritata, bella e stranamente dimenticata dal calcio italiano. Quella generazione di calciatori, infatti, sarà ricordata più per Italia-Germania 4-3 di due anni più tardi che non per l’unico trionfo continentale azzurro.

il-calcio-sopra-le-barricate-francesco-caremani.jpg

Francesco Caremani

Tutto questo sarà raccontato dalla passione per il calcio e dalla professionalità del giornalista e scrittore aretino Caremani che, con quest’opera, ha dato seguito alla precedente pubblicazione “Heysel – La verità di una strage annunciata”. «Il libro – spiega l’autore, – vuole essere una fotografia lieve, ma non superficiale, di una generazione che ha portato la fantasia al potere rincorrendo un pallone di cuoio, attraverso le dichiarazioni, le storie e gli aneddoti di chi ha vissuto il 1968. Alla biblioteca di Bibbiena dialogheremo insieme ad Ulivieri per fare un salto in quegli anni duri ma impreziositi da una delle maggiori imprese della nazionale italiana».

 

 

 

 

 

Circolo Tennis Sansepolcro esordio casalingo domenica 18 marzo

Dopo la sconfitta subita ad Arezzo (0-4), ad opera del Ct Arezzo B, nella gara inaugurale, il Circolo Tennis Sansepolcro farà il suo esordio casalingo domenica 18 marzo alle ore 9,00 e presenterà questi giocatori: Paolo Gennini 4,4, Filippo Ferri 4,5, Lorenzo Francini 4,4, Tommaso Crispoltoni n.c., Andrea Urci 4,4, Sebastian Duhalde 4,5.
L’esordio nella struttura biturgense sarà contro Montevarchi che nella gara inaugurale ha battuto Bibbiena (4-0), poi trasferta a Bibbiena il 25 marzo e in casa con la Castiglionese l’8 aprile, mentre la giornata di riposo è prevista per domenica 15 aprile.
Sono risultate ammesse, in provincia, 19 squadre inserite in 3 gironi da 5 e in uno da 4 squadre.
Passano alla fase regionale (tabellone ad eliminazione diretta) 6 squadre nel modo seguente: direttamente le  prime classificate nei 4 gironi, mentre, le seconde classificate daranno luogo, per sorteggio, ad un incontro intersociale per determinare le altre 2 squadre qualificate alla fase regionale.

Al via il Campionato– Serie D3 Maschile – di tennis, relativo alla Fase Provinciale. C.T. Sansepolcro all’esordio di Arezzo.

Comincia il tennis a dare il via ai vari campionati per il 2018 e si partirà con la Serie D3 maschile per la fase provinciale dove sono risultate ammesse 19 squadre inserite in 3 gironi da 5 e in uno da 4 squadre.
Passano alla fase regionale (tabellone ad eliminazione diretta) 6 squadre nel modo seguente: direttamente le  prime classificate nei 4 gironi, mentre le seconde classificate daranno luogo, per sorteggio, ad un incontro intersociale per determinare le altre 2 squadre qualificate alla fase regionale.
Le gare inizieranno tutte alle 9 del mattino ed avranno il seguente calendario, sempre di domenica:  11/03 – 18/03 – 25/03 – 08/04 – 15/04 con l’unica sosta prevista per Pasqua.
Giornate di recupero: 22/04 – 25/04/2018, mentre le gare di spareggio, fra le seconde classificate, saranno disputate domenica 29 aprile.
Il Circolo Tennis Sansepolcro, è stato inserito in un raggruppamento a cinque con: Tennis Club Montevarchi “A”, A.T. Bibbiena “C”, Circolo Tennis Arezzo “B”, Tennis Club Castiglionese A.
Circolo Tennis Sansepolcro che farà il suo esordio domenica 11 marzo ad Arezzo e presenterà questi giocatori: Paolo Gennini 4,4, Filippo Ferri 4,5, Lorenzo Francini 4,4, Tommaso Crispoltoni n.c., Andrea Urci 4,4, Sebastian Duhalde 4,5.
L’esordio nella struttura biturgense, a Sansepolcro, ci sarà domenica 18 marzo, alle 9, contro Montevarchi, poi trasferta a Bibbiena il 25 marzo e in casa con la Castiglionese l’8 aprile, mentre la giornata di riposo è prevista per domenica 15 aprile.