Riguccini 26° al mondo

La World Boxing Council (WBC) ha pubblicato i ranking, le classifiche di luglio 2020.
Nella lista figurano anche 9 pugili professionisti italiani, tra cui il biturgense Alessandro Riguccini, 26° al mondo.
Eccoli divisi per ogni categoria di peso preceduti dalla posizione che occupano nella classifica Mondiale:

  • Mosca– 21° Mohammed Obbadi
  • Supergallo– 16° Luca Rigoldi
  • Superpiuma– 23° Michele Magnesi
  • Welter– 26° Alessandro Riguccini
  • Medi– 16° Matteo Signani
  • Supermedi– 30° Giovanni De Carolis
  • Mediomassimi– 33° Davide Faraci
  • Massimi leggeri– 31° Simone Federici – 32° Fabio Turchi.

    Riguccini 21-09-19 bis

    Riguccini

 

Riguccini sale al 26° posto nei pesi Welter

Sale al 26° posto mondiale, secondo la recente classifica della Wbc (13 novembre 2019), Alessandro Riguccini dopo il successo sul venezuelano Ruiz. Titolo detenuto da Errol Spence Jr. “The truth” che dovrebbe incontrare Danny Garcia, con probabilità entro i primi tre mesi del 2020, con titolo Wbc e Ibf in palio

 

 

Questa la classifica aggiornata alle prime trenta posizioni per la Wbc:
1 Shawn Porter (US)
2 Danny Garcia (US) SILVER
3 Yordenis Ugas (Cuba)
4 Jessie Vargas (US)
5 Kudratillo Abdukakhorov (Uzbekistan)
6 David Avanesyan (Russia) EBU
7 Josesito Lopez (US)
8 Sergey Lipinets (Kazakhstan)
9 Amir Khan (GB) INTL
10 Vergil Ortiz Jr. (US) *CBP/P
11 Maurice Hooker (US)
12 Jamal James (US)
13 Kiryl Relikh (Belarussia)
14 Ray Robinson (US)
15 Josh Kelly (GB) * CBP/P
16 Sebastian Formella (Germany)
17 Thulani Mbenge (South Africa)
18 Mikael Zewski (Canada)
19 Chris Van Heerden (South Africa)
20 Omar Figueroa (Mexico/US)
21 Ahmed El Mousaoui (France)
22 Adrian Granados (US)
23 Ivan Redkach (Ukraine)
24 Jaron Ennis (US)
25 Abel Ramos (US)
26 Alessandro Riguccini (Italy) SILVER Interim
27 Alexander Besputin (Russia)
28 Custio Clayton (Canada)
29 Radzhab Butaev (Russia)
30 Nursultan Zhangabayev (Kazakhstan)

Riguccini 11-11-19 bis

Il manager Marco Piccini e Alessandro Riguccini, campione del mondo Silver/Interim pesi welter Wbc

Riguccini e il mondiale gold dei pesi welter

Riguccini Ruiz foto bis

Riguccini – Ruiz

Alessandro Riguccini, campione del mondo pesi welter, Silver/Interim, si è presentato in una conferenza stampa assieme al suo manager, Marco Piccini, che è anche il Presidente della squadra bianconera del Sansepolcro che milita nell’Eccellenza Umbra calcistica.
Dopo la vittoria sul venezuelano Juan Ruiz, a Cancun, in Messico, per abbandono all’inizio del 4° round, Riguccini mira al titolo mondiale gold dei welter Wbc, titolo che attualmente è nelle mani di Errol Spence Jr. “the truth”, “verità” ma il “rognoso” punta in alto.
“Siamo in attesa, dicono all’unisono Piccini e Riguccini, dell’esito della sfida tra Spence e Garcia con quest’ultimo che detiene il titolo Silver pesi welter. Il match dovrebbe essere a breve, pensiamo a gennaio, dopodiché sarà il nostro momento”.
Ma attualmente, chiediamo, Alessandro è il numero uno in Italia, secondo le classifiche di Boxe.rec, ma in Europa ci sono altri otto pugili davanti a lui e, secondo la Wbc, è al posto numero 31° nella lista mondiale.”

Riguccini Cancun 27-10-19

Piccini – Riguccini – Consolati

“Esatto, ci conferma Marco Piccini, ma le classifiche Wbc sono in attesa di aggiornamento, quella che ancora appare è riferita a prima del match con Ruiz, per cui il successo sul venezuelano, il più difficile per Riguccini, proietterebbe Alessandro tra i primi 15 al mondo”.
Sì, ma ci sono anche diversi europei in lizza per la sfida mondiale, vedi l’inglese Amir Khan, conosciuto come King Khan, vero astro europeo della categoria.
“La prossima sfida, tra Spence e Garcia, designerà il nuovo campione e noi siamo pronti ad affrontarlo, ci precisa Piccini.  Siamo al lavoro per la candidatura di Riguccini per questo incontro. Se ci saranno da affrontare altre sfide, vedi Inghilterra, lo faremo ma il nostro obbiettivo, adesso, è quello di arrivare al match per il mondiale gold dei pesi welter.”
A quando questa sfida, allora?
“Penso che entro un anno, ci dice Piccini, potremo arrivare al match negli Stati Uniti”.
Non in Messico?

Riguccini 11-11-19 bis

Piccini – Riguccini

“Per i pesi welter, ci sottolinea, questa volta Riguccini, il palcoscenico ideale sono gli Stati Uniti, in particolare Las Vegas, ma, ripeto, io sono pronto a sfidare il futuro campione del mondo, che arriverà spero all’inizio del prossimo 2020, in qualsiasi posto. Ho fatto 30, voglio fare 31 e, perché no, anche 32”.
Errol Spence jr. contro Danny Garcia, lasciando così quest’ultimo il titolo Silver, Riguccini abbandorebbe il titolo Silver/Interim, per raggiungere quello Silver ed entrare così nelle posizioni di vertice.

Garcia e Spence

“Esatto, ci conferma Alessandro, il match tra Spence e Garcia sarà per me un tassello importante alla scalata del mondiale gold”.
Riguccini che ha vinto 24 dei 24 incontri disputati, ha un record di 20 ko, in percentuale siamo sopra l’80 per cento, per l’esattezza all’83,3% di ko ottenuti. Ma la tecnica?

Riguccini 11-11-19

Riguccini – Piccini

“Faccio della potenza, ci dice Alessandro, la mia arma migliore, ma mi sto preparando anche tecnicamente. Sono due momenti diversi per avvicinarsi ad un titolo. Se si guarda solo alla potenza sono sufficienti quasi due mesi di preparazione, ma se la tecnica deve entrare nel mio bagaglio, ancora in modo superiore, ci vorranno quattro mesi di preparazione per avvicinarmi al mondiale. Per cui: la mia potenza sarà all’ordine del giorno, con la tecnica che sarà immediatamente allo studio”.
“Del resto, ci dice Piccini, oggi come oggi i pugili potenti hanno la meglio, con la sola tecnica non si arriva in cima, ma abbinare l’uno e l’altro, cosa che stiamo preparando, porterà ad avere un pugile al top”.
Un rammarico sino ad oggi?
“Lo scarso seguito, ci dice Piccini, avuto dai media italiani. Non voglio però andare oltre, saranno i fatti a dimostrare quello che vale Alessandro”.

 

 

Riguccini di ritorno dal Messico

Alessandro Riguccini è di ritorno a Sansepolcro e si presenterà, per una conferenza stampa, lunedì 11 novembre, alle 18,15, dopo aver difeso, vittoriosamente il titolo di Campione del Mondo pesi Welter, Silver-Interim in Messico.
Arriva, infatti, dopo il bel successo per abbandono al 4° round del venezuelano Juan Ruiz. Riguccini, che secondo le recenti classifiche è al primo posto in Italia, al nono in Europa e al 35° nel mondo, punta in alto nei welter. L’aspirazione per il pugile biturgense è quella di tentare, quanto prima, la scalata al titolo gold  che, attualmente è detenuto per Wbc e Ibf dall’americano, texano, Errol Spence “The Truth”.

Pacquiao-Porter

Pacquiao – Porter

All’orizzonte, sempre nei welter, la sfida tra l’ex campione Wbc, Shawn Porter e il campione filippino, detentore del titolo per la Wba, Manny Pacquiao. Mentre Spence dovrebbe difendere, quanto conquistato recentemente, nei primi tre mesi del 2020, contro l’altro americano Danny Garcia. Riguccini è alle porte consapevole che la vittoria di Cancun del 27 ottobre scorso, lo potrebbe lanciare verso zone significative.

Riguccini si conferma campione del mondo Silver Interim

Alessandro Riguccini si conferma Campione del Mondo, Silver Interim, dei pesi welter, per la Wbc dopo aver battuto, per abbandono al 4° round, l’avversario, il venezuelano Juan Ruiz.
Un grande Alessandro che pur soffrendo il maggior allungo dell’avversario riusciva ad accorciare le distanze, portando dei colpi potenti al tronco di Ruiz, costringendolo all’abbandono al 4° round. Tra il pubblico, in Messico, a Cancun, anche il manager di Alessandro, l’imprenditore biturgense Marco Piccini. Ed ora si aprono nuovi spiragli per il mondiale assoluto con Riguccini che ha vinto 24 dei 24 incontri in carriera disputati.

Riguccini Cancun 27-10-19

Da sinistra: Marco Piccini, Riguccini, Marco Consolati

Riguccini: occhio a Facebook per seguire in diretta la sfida mondiale Silver pesi Welter

Alessandro Riguccini scalpita ed è pronto a difendere il suo titolo di Campione Mondiale Silver Interim, pesi welter, della Wbc, in Messico a Cancun e, dalla mezzanotte di  questa stasera (ora italiana), sarà possibile vedere in diretta l’incontro tra il campione biturgense e il venezuelano Ruiz sulla pagina:
https://www.facebook.com/CancunBoxing/   
L’incontro si svolgerà al:
https://plazadetoroscancun.com.mx/   

Dopo che la Wbc ha ufficializzato nella 57^ Convention mondiale che si concluderà questa notte la sfida, per il titolo assoluto dei pesi welter, tra il campione Errol Spence “The truth”, verità, che ha conquistato il titolo lo scorso 28 settembre, unificando Ibf e Wbc, contro lo sfidante numero uno dei welter, per la Wbc, l’americano Danny Garcia, Riguccini, tenterà di battere Ruiz e di avvicinarsi, quindi, a chi tra Spence e Garcia si aggiudicherà, nei prossimi mesi, la sfida per il titolo assoluto dei welter che vedrà il campione sia per la Wbc che per la Ibf.
Riguccini Ruiz foto bis Il programma dell’intensa serata di questa notte:
Riguccini programma

 

Riguccini è pronto

Errol Spence Jr.

L’americano Spence detentore assoluto del titolo mondiale pesi welter

Riguccini è pronto alla difesa del titolo mondiale Silver Interim della Wbc, pesi welter, che si svolgerà, come sappiamo, in Messico a Cancun. Il pugile biturgense combatterà contro il venezuelano Juan Ruiz.
Nel frattempo la Wbc, nella 57^ Convention mondiale, ha ufficializzato che la sfida, per il titolo assoluto dei pesi welter, vedrà di fronte il campione Errol Spence “The truth”, verità, che ha conquistato il titolo lo scorso 28 settembre, unificando Ibf e Wbc, combattere contro lo sfidante numero uno dei Welter, per la Wbc, l’americano Danny Garcia.

Daniel Oscar Garcia, Danny Garcia

Garcia

Riguccini difenderà il suo titolo Silver, sempre pesi welter, quando in Italia saranno le 5 del mattino di domenica 27 ottobre. Il pugile toscano vorrà sicuramente allungare la sua serie di vittorie, 23 su altrettanti combattimenti, guardando con grande interesse al match mondiale assoluto, pesi welter, dei prossimi mesi, tra Spence e Garcia.

Poche ore alla difesa del titolo per Riguccini

WBC Cancun 2019 Convention

Tutto pronto: Alessandro Riguccini si sta avvicinando alla difesa del titolo mondiale Silver Interim pesi Welter per la Wbc. Dallo scorso 13 settembre è in Messico, a Tijuana, pronto a trasferirsi a Cancun dopo un periodo di tanti allenamenti cominciati alle 5 di mattina. Con lui ci sarà anche Marco Piccini, l’imprenditore biturgense, suo manager, che lo seguirà a Cancun per mantenere quel titolo già difeso una volta a Firenze, il 26 aprile scorso contro il messicano Alvarez alla Tuscany Hall.
Contro il campione venezuelano Juan Ruiz, suo sfidante, Riguccini cercherà il trionfo per arrivare poi a quel titolo mondiale Welter detenuto, sino ad un mese fa, dall’americano Shawn Porter, sconfitto, poi, sabato 28 settembre da Errol Spence Jr, detto “verità” che ha unificato i titoli Wbc e Ibf.

Riguccini Ruiz

Riguccini e Ruiz

 

Il cammino è ancora lungo, di pretendenti al campione del mondo ce ne sono tanti, ma prima di tutto Riguccini vuole battere il suo sfidante, per il titolo Silver, Juan Ruiz.
La serata del 26 ottobre sarà anche la conclusione della 57^ Convention annuale del Wbc, al Grand Oasis Hotel, alla quale hanno già aderito tantissimi ex campioni, vere e proprie leggende della boxe, tra cui Vassily Lomacheko, Oscar de La Hoya, Bernard Hopkins, Roberto Duran, Juan Laporte, Julio Chavez, Michael Spinks, Carlos Zarate, Pipino Cuevas, Lupe Pintor che seguiranno gli incontri in programma tra cui quello di Riguccini.  Giornata, quella di sabato 26 ottobre, a sei mesi esatti dalla prima difesa del titolo di Riguccini che, con questa nuova avventura, vuole arrivare a quel titolo assoluto che già, nella storia, ha visto trionfare campioni come Patrizio Oliva, Arturo Gatti, Gianfranco Rosi, Alessandro Duran, Carmelo Bossi, Nino la Rocca, Michele Piccirillo, Giovanni Parisi e Gianluca Branco.

Daniel Oscar Garcia, Danny Garcia

Garcia n. 1 nelle classifiche Wbc

Ed ora il bel Paese è rappresentato in questa categoria da Alessandro Riguccini che occupa, nelle classifiche Wbc di settembre, il primo posto in Italia, il 10° in Europa e il 32° nel mondo. In caso di successo alle porte ci saranno i pretendenti per il titolo assoluto, dall’americano Danny Garcia, al primo posto nelle classifiche Wbc, davanti al cubano Yordenis Ugas, senza considerare l’ex campione Shawn Porter o il britannico Amir Khan.
Lo sfidante di sabato 26 ottobre, per proseguire il cammino, è Juan Ruiz, venezuelano, che ha debuttato come professionista a 20 anni, il 15 luglio 2006, si allena a Tijuana in Messico, dove si è preparato anche Riguccini. È alto 175 cm, sei in più del pugile biturgense, ha disputato da professionista 26 incontri, di cui 22 vinti, 14 per ko, 4 persi, di cui 3 per ko, ma l’ultimo match, quello con uno dei più interessanti pugili, Frederick Lawson, 27 vittorie per lui, lo ha rilanciato verso la sfida mondiale a Riguccini che si è preparato meticolosamente nella palestra dell’ex pugile Eric Morales, a Tijuana, ai confini tra Messico e Stati Uniti.

Errol Spence Jr.

Il Campione del Mondo Ibf e Wbc, Errol Spence “Verità”

Alessandro Riguccini e la difesa del titolo

Possiamo asserire, da questo blog, senza ombra di smentita, che tre sono le categorie pugilistiche che hanno, da sempre, proposto grandi campioni, senza nulla togliere alle altre.

Arcari-in-allenamento

Arcari

nostro parere, pesi welter, medi e massimi, sono le tre più avvincenti per vari motivi. I pesi welter sono una categoria sui generis, che lancia grandi talenti legati al saper danzare sul ring, ma anche a colpire di forza, i pesi medi, a nostro giudizio, rappresentano il top dell’eleganza e della potenza assieme, vedi Monzon, Benvenuti, Griffith, Marvin Hagler, Sugar Ray Robinson, solo per citarne alcuni, quella dei massimi è, invece, la categoria pugilistica più affascinante, dove la potenza pura la fa da padrona, ma dove l’eleganza di saper danzare come una farfalla e pungere come un’ape, la si può legare, unicamente, a Cassius Clay poi Mohamed Alì, quindi tutti gli altri grandi pugili di questa categoria, ma tutti, a nostro parere, dietro di lui. 

Benvenuti

Benvenuti

Quello che ci interessa, oggi, però sono i pesi welter con il pugile di Sansepolcro, Alessandro Riguccini, che difende il suo titolo mondiale Silver Interim, tentando, al tempo stesso, la scalata verso i vertici dell’assoluto.
Una categoria, quella dei welter che ha sempre messo in mostra grandi pugili e talenti italiani. In primis Bruno Arcari  considerato dagli esperti il più forte pugile d’Italia di ogni tempo, campione dei superleggeri e dei welter. A lui possiamo abbinare: Patrizio Oliva, Arturo Gatti, Gianfranco Rosi, Alessandro Duran, Carmelo Bossi, Nino la Rocca, Michele Piccirillo, Giovanni Parisi e Gianluca Branco. Ed ora il bel Paese è rappresentato in questa categoria da Alessandro Riguccini che occupa, nelle classifiche Wbc di settembre, il primo posto in Italia, il 10° in Europa e il 32° nel mondo. Su di lui si fondano le speranze della rinascita italiana sulla categoria dei pesi Welter e, lui, 31 anni, di Sansepolcro, ci proverà con tutti i suoi mezzi legati alla grande potenza di cui dispone, per tentare di raggiugere quel titolo assoluto conquistato, anzitempo, dai suoi illustri colleghi. La difesa del mondiale Silver interim, il 26 ottobre in Messico, a Cancun, potrebbe essere, in caso di vittoria, sul venezuelano Juan Ruiz, il grande trampolino di lancio.

 

Riguccini, a quindici giorni dalla difesa del titolo mondiale Silver interim, pesi welter

Quello che tenterà l’idolo biturgense, Alessandro Riguccini, dal punto di vista pugilistico, è veramente importante e tutto il pubblico della città pierfrancescana, oltre a quello dell’intera Valtiberina, tosco umbra, è vicino alla sua impresa.
Alessandro sta provando, infatti, la scalata verso il mondiale assoluto dei pesi welter, recentemente conquistato da Errol Spencer Jr a fine settembre.
Non sarà certo facile arrivare ai vertici perché la concorrenza è veramente tanta.
Ma vediamo, dalle classifiche ufficiali del Wbc, con Alessandro Riguccini che difenderà il titolo mondiale pesi welter, Silver interim, il 26 ottobre contro il venezuelano Juan Ruiz, quali sono le prospettive che potrebbero aprirsi.
Innanzitutto, secondo la classifica di settembre 2019 del Wbc, Alessandro Riguccini, pur non essendo campione d’Italia, viene posizionato al primo posto nei Pesi Welter del nostro Paese. Risultato significativo.

Riguccini 1

Alessandro e il suo sparring partner

In Europa, sempre secondo la classifica del settembre 2019 del Wbc, Riguccini occupa la decima posizione, alle spalle dell’inglese Amir Khan (Wbc International Champion),  del Russo David Avanesyan (campione Ebu), dello spagnolo Kerman Lejarraga, dell’altro britannico Josh Kelly, del tedesco Sebastian Formella,  del francese  Ahmed El Mousaoul  dei russi Alexander Besputin e Radzhab Butaev, e dell’inglese Chris Jenkins.
Nel mondo, il pugile di Sansepolcro,  viene classificato in 32^ posizione, sempre secondo la classifica di settembre 2019 del Wbc, che pone l’americano Danny Garcia, al primo posto davanti al cubano Yordenis Ugas, due tra i papabili per il titolo mondiale, senza considerare Shawn Porter che ha recentemente perso lo scettro, lo scorso 28 settembre, contro Errol Spence Jr. Posizione, quella di Riguccini, a livello mondiale, buona.

Ugas (Cuba) Khan (Uk) Garcia (Usa). Il titolo assoluto passa da loro

Innegabile quindi che una vittoria contro il venezuelano Juan Ruiz, il 26 ottobre, a Cancun, in Messico, di fronte alla platea mondiale del Wbc che si incontrerà, per la 57^ volta nella Convention annuale, lancerebbe, ulteriormente, Riguccini nella classifica mondiale, avvicinandolo a quello che, sino ad oggi, potrebbe sembrare inarrivabile: la sfida per il titolo di Campione del mondo, pesi Welter.
Ma prima di tutto: battere Juan Ruiz!!! Poi….In bocca al lupo!!!