Simone Santi una grande carriera

A livello pallavolistico, ma forse sportivo, è il personaggio top della Valtiberina Umbra e Toscana, ma anche a livello italiano: Simone Santi, arbitro internazionale da poco ha appeso le scarpette al chiodo, ma il lavoro, pallavolisticamente parlando non gli manca. Arbitro mondiale da guinness dei primati. Ancora una prestigiosa convocazione per Simone Santi, 56 anni, tifernate doc, giornalista, che è stato designato da FIVB come “challenge referee” per i mondiali femminili di pallavolo che si svolgeranno dal 23 settembre al 15 ottobre 2022 a Apeldoorn, Arnhem e Rotterdam, nei Paesi Bassi, e a Danzica, Gliwice e Łódź, in Polonia. L’Italia sarà ancora una volta protagonista con quattro ufficiali di gara complessivamente coinvolti. Nei Campionati Mondiali Maschili ci saranno Stefano Cesare, in veste di arbitro, e Daniele Rapisarda in qualità di challenge referee. Nella manifestazione femminile, invece, l’Italia sarà rappresentata da Andrea Puecher (arbitro) e Simone Santi (challenge referee). La notizia, naturalmente, conferma la validità del lavoro del settore arbitrale federale e la grande tradizione del movimento pallavolistico tifernate che Simone Santi dall’alto del seggiolone di comando, ha onorato e veicolato in tutto il mondo nel corso di una carriera arbitrale senza precedenti a suon di risultati e record difficili da battere.
Quattro mondiali, tre maschili, uno femminile e tanto altro per il fischietto di Città di Castello, (al via negli anni ottanta con maestri di vita e di sport come il compianto Don Bruno Bartoccini e Piergiorgio Reali),  che il celebre motore di ricerca “Wikipedia” definisce a ragione, “uno dei migliori al mondo”.  Ha diretto importanti incontri tra cui le Olimpiadi di Londra 2012. Oltre alle partite di campionato e coppa in Italia, ha arbitrato anche incontri internazionali in Giappone, Corea del sud, Brasile, Argentina, Germania, Francia, Polonia, Russia, Regno Unito, Spagna, Portogallo, Turchia, Grecia ed Iran. Inizia ad arbitrare negli anni ottanta, nel 1994 diventa arbitro di Serie A, nel 2001 raggiunge il ruolo di arbitro internazionale FIVB. Il 21 Aprile 2021 ha arbitrato in occasione della finale scudetto tra Conegliano e Novara, la sua ultima partita in carriera. Ambasciatore dello Sport nel mondo di Regione dell’Umbria e Provincia di Perugia, Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana nel 2012, stella di Bronzo del Coni nel 2016 (di cui è delegato del Presidente Domenico Ignozza in Alta Umbria), Simone Santi ha inanellato negli anni una serie di premi e riconoscimenti tali da meritare una sezione pubblica a disposizione degli sportivi. Appresa la notizia dell’ennesima prestigiosa chiamata mondiale, il sindaco di Città di Castello e l’assessore allo Sport, hanno espresso a Santi le “più sentite felicitazioni per questo ulteriore traguardo che incornicia se ce ne fosse bisogno una carriera stellare che ha premiato la passione, la tenacia e professionalità di un grande arbitro appassionato dello sport e della sua città che ha sempre portato in alto in tutti i palazzetti e impianti sportivi mondiali. Grazie Simone a nome della comunità tifernate e degli sportivi”, hanno concluso sindaco Secondi e assessore Carletti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...