La serie A3 per San Giustino non è più un sogno

Leonardo Puliti, da tre stagioni opposto della ErmGroup San Giustino, ha dimostrato anche a Macerata, con i suoi 21 punti, tutto il suo valore. A lui, il compito di analizzare il bel 3-0 “Credo che oramai la squadra abbia acquisito la consapevolezza di sé stessa – dichiara Puliti – e che quindi abbia imparato a sopperire anche a situazioni non favorevoli, vedi per esempio quella di dover giocare fuori casa in un palazzetto importante come il Fontescodella, ma adesso, non facciamo altro che tradurre in pratica quanto di buono abbiamo finora immagazzinato”.  
Una fase offensiva importante. “Certamente, un attacco che funziona non è cosa da poco, ma siccome mi piace dividere i meriti, dico che tutto questo poggia su due presupposti fondamentali: la tenuta in ricezione, come dimostra il 73% di domenica scorsa e la bravura del nostro palleggiatore, Alessio Sitti.
Ora c’è la seconda parte dell’impresa, da portare a compimento domenica prossima in casa. Quali sono eventualmente i punti deboli di Macerata?  
“Al di là di quelli che possono essere i punti deboli, conta l’ottica nella quale affronteremo la partita, sapendo che loro daranno il tutto per tutto e che hanno dimostrato la capacità di sovvertire pronostici e risultati. La Paoloni è una squadra che batte bene e difende tantissimo, quindi possiede le armi giuste per annullare i nostri punti di forza. Noi siamo più fisici e aggressivi e allora la voglia di lottare dovrà essere la stessa di domenica scorsa”.
  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...