Eccellenza Umbra quale futuro ?

Sarebbero dovuti partire oggi play off e play out in Eccellenza Umbra, ma tutto è fermo al 23 febbraio scorso, ultima giornata giocata sul campo  quando mancavano sette partite al termine. In attesa che la Lega Calcio, il Comitato Regionale Umbro si sblocchino, l’ultimo comunicato che arriva dal CRU è datato 17 aprile, ma non riguarda l’Eccellenza, stiliamo una classifica di merito o…demerito delle 16 squadre partecipanti. Andiamo in ordine di graduatoria all’atto della sospensione.

Tiferno 1

Tiferno

Tiferno 1919, 44 punti: è la squadra da battere e lo dimostra una campagna acquisti di primordine. La compagine prima affidata a Santececca, ha un attimo di sbandamento quando si ritrova a 4 lunghezze dal vertice, poi la guida passa a Renzo Tasso; innesti importanti, Valori e Colombi, oltre ad una intelaiatura da serie superiore permettono l’allungo e il team biancorosso, dopo aver vinto la Coppa Italia, passa decisamente in vetta e per il Presidente Bianchi sarebbe, il condizionale è d’obbligo, la terza vittoria da matricola in un campionato. Un record. Migliore attacco, con la Narnese, 34 reti.
Spoleto 41 punti: partita in sordina, la squadra, con il rischio anche di far figuracce, dopo un vai e rivieni continuo, dopo essere stata, è proprio il caso di dirlo, vicina al crollo dopo lo stop interno con la Narnese che sembrava precludere tutte le porte, ecco la prova che gli sportivi spoletini si aspettavano portandosi a tre lunghezze dalla cima. Per la principessa degli Emirati, per i suoi collaboratori, un successo non indifferente. Da non dimenticare che ha giocato tutte le gare casalinghe in campo neutro, a Bevagna.
Narnese 38 punti: è stata, assieme al Sansepolcro, per come era partita e per quelli che erano i giudizi iniziali, una delusione nonostante la posizione di classifica lasci o meglio, lascerebbe ancora sperare. Migliore attacco con il Tiferno, 34 reti.

Orvietana

Orvietana

Orvietana 37 punti: partita un po’ a rilento, però con grande fiducia, pur non disponendo di un attacco mitraglia, il tecnico Silvano Fiorucci l’ha organizzata in modo tale da saper presentare e proporre un buon calcio.
Nestor 37 punti: per una matricola un campionato con i fiocchi e, se prendessimo la classifica partendo solo dal girone di ritorno, la squadra sarebbe al primo posto. Non c’è che dire un torneo al top.
Trasimeno 35 punti: un’altra matricola, con la miglior difesa del campionato, 18 gol subiti; una stagione sicuramente da ricordare, con un attacco, vedi Braccalenti, che può dar fastidio a chiunque.

Sansepolcro 2019-2020 bis

Sansepolcro

Sansepolcro 35 punti: la delusione totale di questo campionato di Eccellenza Umbra con la squadra a rischio anche play off. Se prendessimo il solo girone di ritorno sarebbe in zona play out con 8 punti ottenuti in 7 partite. Un fallimento per un campionato nato all’insegna del passaggio in serie D immediato. Ultimi anni da brivido: stagione 2015-2016 prima retrocessione, poi il ripescaggio per aver vinto, con tecnico Falcinelli, il titolo italiano Juniores. Campionato 2016-2017, girone con squadre sarde, nono posto, torneo 2017-2018 un’altra retrocessione, 2018-2019 in Eccellenza, eliminazione ai play off ad opera del Lama ed ora un altro fallimento quando questo doveva essere l’anno della D. Peccato.
Pontevalleceppi 33 punti: Un torneo che mette in guardia, per il futuro, gli avversari, la squadra pur non potendo avere grosse ambizioni, può dare noia a tutti.

lama 2019-2020

Lama

Lama 32 punti: Vicarelli confermato tecnico e questa è stata subito la mossa vincente del ds Cristian Volpi e del direttivo bianconero. Dopo lo splendido campionato passato, 2018-2019, non ci poteva essere conferma migliore nonostante le tante partenze, soprattutto tra i fuori quota, verso la serie D. Numerose le soddisfazioni che il team si è tolto grazie ad una intelaiatura a…prova di avversario.
San Sisto 29 punti: all’inizio e per lungo tempo è stata la delusione del campionato, con Narnese e Sansepolcro, ma poi, messa la marcia giusta, soprattutto nel girone di ritorno, la compagine ha dato diverse soddisfazioni al suo esigente pubblico. Nella seconda parte del campionato sarebbe infatti al secondo posso in classifica grazie anche alle 12 reti di Russo.
Castel del Piano 29 punti: nata come compagine da una tranquilla classifica, può avvalersi del miglior bomber del torneo, quel Menichini che ha messo a segno 15 reti. Assisi/Subasio 28 punti: eccoci ad un’altra delusione del campionato. Ad inizio era accreditata dagli esperti come vera e propria outsiders, ha invece rischiato molto. Con la guida di Brilli è riuscita, però, a darsi un volto nuovo anche se con tante sofferenze.
Ducato 27 punti: senza infamia e senza grandi lodi, anche se la seconda squadra di Spoleto è stata l’unica ad ottenere sei punti sul Sansepolcro e a segnare 6 reti alla difesa bianconera.
Angelana 26 punti: è partita alla grande, forse consapevole che i mezzi per una salvezza immediata non c’erano. Si è basata molto sulle tante reti, 12, del bomber Passeri, poi però il tracollo, un girone di ritorno con soli 4 punti ottenuti che varrebbero l’ultima posizione in classifica.
Gualdo 14 punti: squadra giovane, matricola, forse anche inesperta, ma la piazza può dare una mano.
Ellera 11 punti: ultima posizione indiscutibile, ma il 4-5 con il Sansepolcro, la vittoria sulla Narnese, il pari a Spoleto, testimoniano che la squadra è stata forse costruita troppo in ritardo ed anche il bravo Fabio Fraschetti ha potuto fare quello che ha…potuto.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...