Piccini Paolo Spa protagonista due volte nel Campionato italiano energie alternative


L’azienda di Sansepolcro gestirà l’innovativo impianto per il rifornimento mobile di biometano e parteciperà con una propria vettura in collaborazione con Scuderia Etruria Racing
Comincia questo fine settimana a Merate, in Brianza, il Campionato italiano energie alternative “Green Endurance” con le prime due gare della stagione, che si svolgeranno una sabato e l’altra domenica. Al via veicoli elettrici, a gas come metano e biometano, auto ibride. Tra queste ultime anche la variante di recentissima omologazione che prevede, insieme a quella elettrica, l’alimentazione a metano a sostituire la benzina. Proprio questo sistema è installato nella Toyota C-HR di Snam4Mobility che debutterà in gara con a bordo il duo altoatesino campione del mondo FIA in carica, composto da Fuzzy Kofler e Franco Gaioni.
La Valtiberina sarà protagonista del weekend brianzolo e dell’intero campionato, in particolare grazie a Piccini Paolo Spa, che parteciperà in una doppia veste: gestirà infatti con Snam l’innovativo impianto per il rifornimento mobile di biometano, ovvero la variante del metano prodotta grazie alla lavorazione della frazione organica di rifiuti, degli scarti alimentari-agroindustriali e delle biomasse agricole e gareggerà con un proprio veicolo in collaborazione con la Scuderia Etruria Racing. Con la Seat Leon a biometano del team toscano al via il pilota milanese Cesare “Chet” Martino e la navigatrice originaria di Pieve Santo Stefano Francesca Olivoni. Si conferma quindi il team che l’anno scorso centrò tre podi, consentendo a Olivoni, che ha all’attivo anche un secondo posto mondiale nel 2013, di laurearsi vicecampionessa italiana, mentre Martino chiuse la classifica generale al terzo posto.

Nella foto: la Seat Leon a biometano di Piccini Paolo Spa – Scuderia Etruria Racing si rifornisce presso l’impianto mobile.

L’azienda di Sansepolcro Piccini Paolo Spa sviluppa “il veicolo del futuro”

Nella foto da sinistra: Musi,Piccini,Ricci,Ventura

“Grandi prestazioni, consumi bassi ed emissioni bassissime, cioè il veicolo del futuro”: l’amministratore di Snam4Mobility Andrea Ricci fa una sintesi lusinghiera del prototipo sviluppato da Piccini Paolo Spa e Landi Renzo per conto proprio di Snam. Si tratta di una Toyota C-HR ibrida, originariamente a benzina, che è stata dotata di un impianto a CNG (gas naturale compresso). L’azienda biturgense, in collaborazione con Landi Renzo, si è occupata dell’ideazione, installazione e omologazione del sistema, che ha reso il metano (o il biometano) carburante principale del motore supportato dalla batteria elettrica.
Durante la presentazione agli EcoMobilityDays di Ancona, l’amministratore delegato di Landi Renzo, Cristiano Musi, ha sottolineato che il costo dell’installazione dell’impianto “è una cifra assolutamente modesta che viene recuperata in un anno, o in caso di lunghe percorrenze anche meno, visto che con un euro si percorrono 30 km”. Una tecnologia, quindi, che per Musi “è sostenibile economicamente e dà un grande contributo all’ambiente”. Infatti, come spiega Ricci di Snam, “caricando la batteria con il gas le emissioni di CO2 scendono come minimo del 25%, quindi anche durante la fase di ricarica con il motore l’impatto ambientale è molto più basso”.

“Crediamo tantissimo nel potenziale del gas metano e del biometano – ha detto ancora Musi – e investiremo sempre di più in questa tecnologia, facendolo con dei partner estremamente qualificati come Snam e come Piccini. L’Italia è un’eccellenza nel mondo del gas e per portare avanti questa eccellenza, fare sviluppo e fare innovazione serve fare squadra: se facciamo squadra non c’è nessuno che può avere le nostre capacità”.
“Dopo questo veicolo a iniezione indiretta – ha detto invece Marco Piccini – il prossimo passo a cui stiamo lavorando è quello di convertire il motore a iniezione diretta, quindi abbineremo all’ibridizzazione l’impianto a iniezione diretta Landi in modo da avere entrambe le tipologie principali di motori che troviamo oggi nel mercato”, ha concluso il presidente dell’azienda di Sansepolcro.

Guerrini-Olivoni terzi in Islanda

Con lo svolgimento dell’E-Rally Iceland è partito il campionato mondiale delle auto ad energie alternative. Al via un solo equipaggio italiano, quello formato dai toscani Guido Guerrini e Francesca Olivoni. I due valtiberini, uno di Sansepolcro, l’altra di Pieve S.Stefano, sono saliti al terzo posto alla vigilia dell’ultima delle ventuno prove speciali, lunghe complessivamente oltre quattrocento chilometri. La coppia islandese Pálsdóttir-Pálsdóttir al secondo, mentre il primo è andato ai franco-polacchi Prusak-Benchetrit su Opel Corsa-E. Prossima gara in Portogallo, Covid-19 permettendo, nella prima settimana di ottobre.

Il via al mondiale energie alternative

Un solo team italiano quest’anno concorrerà nel campionato mondiale dedicato alle energie alternative che doveva iniziare lo scorso marzo in Portogallo e doveva essere un campionato di nove gare in giro per il mondo. Ma il covid 19 ha colpito e l’unico team italiano che prenderà parte sia all’E-Rally Iceland che al campionato è formato da due piloti della Valtiberina Toscana: Guido Guerrini assieme a Francesca Olivoni. Il passaggio da Audi E-tron, usata nel 2019, a E-Golf è dovuto soprattutto alla scelta di introdurre i consumi tra i parametri utili ad assegnare vittoria e piazzamenti nelle gare della stagione 2020. La gara islandese sarà la prima della categoria con oltre 400 chilometri di prove speciali, molte delle quali saranno su strade sterrate dove si toccano picchi di velocità molto alti per il tipo di auto che partecipa a questo campionato. Per la prima volta due terzi del rally saranno dedicati alle prove contro il tempo, mentre solo un terzo ai trasferimenti.
Tra i protagonisti della gara nordica ci saranno i vice campioni iridati 2019 Artur Prusak e Thierry Benchetrit e i campioni del mondo 2018 Didier Malga e Anne Valerie Bonnel, ovvero i due equipaggi vincitori in Islanda negli ultimi due anni.

Lo Spino rinviato.

La Pro-Spino Team, nell’ottemperare ai decreti ministeriali anti-assembramenti emessi nell’emergenza COVID19, si vede costretta ad annunciare l’annullamento della 11ª Cronoscalata Storica dello Spino (48ª edizione della salita e 5.a prova del CIVSA), che era stabilita per il week end 5-7 giugno 2020.
Il fermo ai motori potrebbe tradursi in un semplice posticipo della data, ma gli organizzatori si riservano di valutare un’eventuale nuova data 2020 in base all’evolversi della pandemia sul territorio nazionale e agli aggiustamenti dei calendari sportivi che spettano, in ogni caso, alla Commissione Autostoriche ed in capo, alla federazione nazionale Aci Sport.
peroni spino 2019 (003)

Lo Spino si corre a giugno.

Si terrà venerdì 5, sabato 6 e domenica 7 giugno l’11ª edizione della Cronoscalata Storica dello Spino, assieme alla 48ª della Pieve Santo Stefano-Passo dello Spino, riservata alle auto moderne.
La gara si correrà ancora una volta sui 6 chilometri della provinciale 208 che dall’immediata periferia di Pieve Santo Stefano conducono fin quasi all’abitato di Montalone.
Un mese prima, a Pieve, vi sarà un altro evento motoristico inedito: la prima delle cinque tappe del Trofeo delle Vallate Aretine, campionato di regolarità con prove di abilità.
peroni spino 2019 (003)

L’anno 2019 si è chiuso con il botto per lo sport a Sansepolcro. Il 2020 si annuncia ancora più interessante.

Un 2019 che ci lascia per un 2020 che tutti si augurano fantastico. Sansepolcro e le sue prime squadre, sportivamente parlando, stanno per ripartire con i numerosi impegni che interesseranno i singoli atleti come tutti i team cittadini.

guido guerrini e emanuele calchetti

Guerrini e Calchetti

Cominciamo con l’automobilismo dove il pilota Guido Guerrini, che negli anni passati ha vinto un titolo mondiale, e il copilota Emanuele Calchetti hanno corso l’intera stagione con i colori della scuderia Audi Team Autotest Motorsport ottenendo, assieme ai compagni di squadra Kofler e Gaioni, la vittoria del titolo mondiale costruttori, la prima nella storia di Audi nelle competizioni ad energie alternative. Al duo di Sansepolcro anche la soddisfazione del terzo gradino finale del podio mondiale.
Altri interessanti piloti sono i fratelli Giacomo e Andrea Piccini con le Ferrari 488 del Kessel Racing.

Riguccini 21-09-19 bis

Riguccini

Un campione del mondo, nel pugilato, per la Wbc, nella categoria pesi Welter, Silver Interim, Sansepolcro ce lo ha con Alessandro Riguccini che ha difeso il titolo Silver a Cancun in Messico ed ora spera di salire la china nella sua categoria verso le alte sfere “gold” dei pesi Welter.

Sansepolcro 2019-2020 al Buitoni

Sansepolcro

Ed arriviamo al calcio dove in Eccellenza Umbra i bianconeri di Bonura hanno messo a segno un finale di anno da far venire i brividi: prime 9 partite: 11 punti, 2 gare vinte, 5 pareggiate e 2 perse, 8 gol fatti e 8 incassati, roba da mettersi le mani nei capelli; ma poi…ultime 7 delle 16 partite disputate: 19 punti sui 21 disponibili, 6 vittorie, 1 pareggio, zero sconfitte, con 15 gol fatti e 7 subiti. In totale secondo posto con 30 punti, alle spalle delle due battistrada Tiferno e Spoleto con 31 punti, ma davanti a Narnese, 27, Orvietana 26, Lama 24, con la lotta per tornare in serie D nuovamente aperta. Prossimo impegno domenica 12 gennaio, alle 14,30 a Spoleto contro la Ducato.
Da rilevare, inoltre, che anche il calcio femminile sta riproponendosi in città.

New Volley Borgo Sansepolcro 2019-2020

New Volley Borgo Sansepolcro

Ed eccoci alla pallavolo dove in serie C la New Volley Borgo Sansepolcro cerca di arrivare ai play off per continuare a mettere in mostra i tanti giovani di cui dispone, dopo essersi privata anche di un elemento, Patrick Valenti, che è approdato in serie B a Città di Castello. Prossimo impegno sabato 11 gennaio alle ore 18, nella tana dell’imbattuta capolista Iacact Perugia.

Dukes-Montevarchi 82-54

Dukes Basket

Passiamo al Basket dove la Dukes Sansepolcro sta, sino ad oggi, dominando il campionato di promozione maschile e si avvia….toccando ferro, verso la serie D. La squadra di Mameli ha vinto anche a Siena e, ad oggi, guida solitaria la vetta della classifica con 18 punti, una sola sconfitta su 10 partite giocate, due punti di vantaggio sull’Amen Basket Aretina e 4 su Cus Siena e Lastra a Signa. Prossimo impegno mercoledì 8 gennaio, alle 21, al Palasport di Sansepolcro, quando arriverà il fanalino di coda, Sales Firenze. Ma non ci dimentichiamo certamente dello Special Olympics della Dukes, con la squadra che ha recentemente partecipato ad un torneo in Germania, dopo i tanti successi in Italia, sponsorizzata da un’azienda, la G & Cosmetics di Sansepolcro.

kARATE 25-11-19

Karate Sansepolcro

Ed ora il Karate, con la Scuola di Sansepolcro, diretta dal Maestro Gabriele Parlani, cintura nera 5° dan che dal centro di allenamento, nella frazione Melello, ha portato alla conquista del primo dan, cintura nera, cinque suoi allievi, Amun Moraldi, Matteo Scarscelli,  Michael Ricci, Emanuele Barili, Steve Simone, che a Firenze hanno recentemente superato gli esami non certo semplici.

Ginnastica Petrarca - Farina Adreani e Mortimer

Anita Adreani al centro

Passiamo alla ginnastica artistica perché Sansepolcro può vantare un’atleta, Anita Adreani, che con la Petrarca Arezzo, in Serie A2, dopo essere stata in A1, sta scalando le vette di questo bellissimo sport. Una famiglia di sportivi, quella degli Adreani, con il padre Alessandro amante delle moto, i fratelli Corrado e Riccardo, impegnati nei campionati di Eccellenza Umbra e Toscana di calcio. Hanno tanto seguito, proprio a Sansepolcro, anche due sport, come il golf e il tennis.

Caldese golf 08-04

Golf

Il Golf vede i giocatori biturgensi, cimentarsi nelle varie categorie, proponendo anche golfisti che sono alle soglie del professionismo vero e proprio, o, quanto meno, stanno ottenendo risultati importanti, mentre per il tennis ci sono due società, il Circolo Valtiberina Tennis e Sport, e il Circolo Tennis di Sansepolcro, con quest’ultimo che ha portato anche un suo atleta, Luciano Dhualde, Campione Toscano, al Foro Italico di Roma, in terza categoria.

Sansepolcro

Sansepolcro

Un plauso ai tanti appassionati atleti dell’Avis Sansepolcro che nell’arco di ogni anno trovano importanti successi, tra i giovani e i meno giovani, in atletica leggera. Non ci dimentichiamo certo dei numerosi appassionati di ciclismo e moto che prendono parte ad importanti manifestazioni in tutta Italia, il tutto sempre sotto il nome di Sansepolcro.

Il pilota Andrea Piccini e il 2019

Andrea Piccini e i compagni di equipaggio, Sergio Pianezzola e Claudio Schiavoni,  sulla Ferrari 488 Gte sono riusciti a conquistare un importante podio nella European Le Mans Series 2019 proprio nell’ultima tappa in Portogallo a Portimao. Un epilogo in crescendo per il pilota di Sansepolcro.
“E’ stata un’annata sicuramente positiva – commenta Andrea Piccini – siamo stati quasi sempre i più veloci fra le Ferrari e a Barcellona, nella seconda gara, abbiamo conquistato la pole. Solo qualche errore di troppo ci ha precluso la possibilità di vincere a Spa e, nell’ultima sfida in Portogallo, la safety car ci ha negato un trionfo oramai sicuro. Ciononostante, la stagione è stata soddisfacente. In modo particolare sono contento delle mie prestazioni, visto che sono risultato spesso il più veloce fra i piloti Ferrari. La classifica non rispecchia le effettive potenzialità e ciò che abbiamo dimostrato, ma alla fine contano i punti”.
ferrari presentazione PicciniUn 2019 di crescita anche per i tuoi compagni di squadra, Pianezzola e Schiavoni.
“Basterà citare la 24 Ore di Le Mans: abbiamo ottenuto un risultato incredibile, con Pianezzola e Schiavoni entrambi al debutto nella “maratona” automobilistica più famosa al mondo. Siamo riusciti a portare a termine la gara, dimostrando anche in questa circostanza di essere quasi sempre i più veloci fra le Ferrari, per cui contenti sia della performance che per aver visto la bandiera a scacchi in una gara così difficile”.

 

Un’annata di grandi soddisfazioni per i ragazzi della Torino-Pechino

Dopo la stagione quasi sabbatica nel 2018, quando tutte le energie furono concentrate nella spedizione dall’Atlantico al Pacifico (e ritorno) con il diesel-metano, il rientro nei campionati agonistici, italiano e mondiale, è stato per l’associazione valtiberina Torino-Pechino al di sopra di ogni ottimistica previsione.
Guerrini e Calchetti 17-11-19Il pilota Guido Guerrini e il copilota Emanuele Calchetti hanno corso l’intera stagione con i colori della scuderia Audi Team Autotest Motorsport ottenendo, assieme ai compagni di squadra Kofler e Gaioni, la vittoria del titolo mondiale costruttori, la prima nella storia di Audi nelle competizioni ad energie alternative. Il duo di Sansepolcro ha ottenuto una vittoria in Svizzera, tre secondi e tre terzi posti, ma anche altri due piazzamenti a punti su un totale di dodici gare disputate tra Europa e America. Una striscia positiva che oltre ad aver contribuito al mondiale di Audi ha aiutato Kofler e Gaioni nella conquista del titolo piloti e copiloti, permettendo al team di centrare una storica tripletta iridata. Per Guerrini e Calchetti anche la soddisfazione del terzo gradino del podio mondiale.
bilancio torino-pechino .jpgIl campionato italiano è stato meno impegnativo, come numero di gare, visto che i titoli sono stati assegnati dopo tre soli ecorally nei quali i ragazzi valtiberini, a bordo della Seat Leon a biometano messa a disposizione da Piccini Paolo Spa e Scuderia Etruria Racing, sono sempre saliti sul podio con due secondi e un terzo posto. La copilota pievana Francesca Olivoni ha partecipato a tutte le gare italiane, mentre alla guida si sono alternati Guido Guerrini e Cesare Martino, con quest’ultimo terzo assoluto nel campionato tricolore. Francesca Olivoni, oltre ad aver centrato il titolo di vicecampionessa italiana, ha avuto modo di partecipare anche a due gare del Campionato mondiale (Grecia e Monte Carlo), ottenendo punti anche nella classifica iridata.
guido guerrini e emanuele calchettiUn’altra interessante esperienza realizzata dall’associazione Torino-Pechino è stata, a fine estate, la partecipazione all’International Gas Forum di San Pietroburgo, dopo un viaggio di circa 10.000 chilometri, effettuato a bordo della Seat Leon di Piccini, interamente usando metano e biometano.
Bocche cucite relativamente agli impegni dei piloti e copiloti toscani per la stagione 2020: l’unica indiscrezione che traspare è la volontà di proseguire le esperienze con ogni tipo di motorizzazione ecologica, evitando di concentrarsi su una sola tipologia. Il metano e il biometano potrebbero essere ancora al centro di un grande e lungo viaggio, cosa per ora impossibile con le basse autonomie e le problematiche di ricarica dell’elettrico.