Sesti Guerrini e Prusak all’Eco rally

Sesto posto per la coppia formata dal toscano, il biturgense Guerrini e il polacco Prusak alla prima prova in Spagna del mondiale energie alternative, quest’anno ribattezzato Fia ecoRally Cup, che si è svolta nella Comunità Valenciana.
La vittoria è andata agli spagnoli Eneko Conde e Lukas Sergnese, seguiti dai cechi Žďárský-Nábělek, al terzo posto un’altra coppia spagnola, Carla Álvarez e Daniel Remón .
In tutto avremo, dopo quella nella Penisola Iberica che ha inaugurato l’Eco Rally, altre sette gare: in Repubblica Ceca dal 20 al 21 maggio, in Portogallo dal 24 al 26 giugno, quindi in Islanda dal 15 al 16 luglio, poi in Slovenia dal 2 al 3 settembre, nuovamente in Spagna dal 30 settembre al 2 ottobre, a Montecarlo dal 19 al 22 ottobre, per chiudere in Italia, nelle Dolomiti, dal 17 al 19 novembre.

Nella foto i vincitori: Conde e Sergnese

Al via il mondiale energie alternative con il biturgense Guerrini

Al via il mondiale energie alternative con il biturgense Guerrini

Il campionato Energie alternative si aprirà in Spagna con la gara nella Comunità Valenciana in programma da oggi al 6 marzo. Il pilota di Sansepolcro, Guerrini, sarà in gara con Team Autotest Motorsport,unica scuderia italiana presente in questa gara. La squadra altoatesina si affiderà ad un equipaggio composto dall’italiano Guerrini e dal polacco Artur Prusak su una Kia eNiro e saranno almeno cinque le coppie in grado di contendersi il titolo. La gara prenderà il via da Morella e si concluderà a Castillón de la Plana. Tra gli equipaggi di spicco oltre i campioni del mondo e di Spagna Conde Pujana e Serrano, stavolta a bordo di due diverse vetture, anche i vicecampioni Malga-Bonnel, i cechi ŽďárskýNábělek, gli spagnoli Sargnese-Rodríguez e gli sloveni Špacapan-Kobal. Nella foto sotto il traguardo 2021.
Ricordiamo che il risultato di ogni rally sarà frutto del piazzamento in gara e di quello nella speciale classifica dei consumi.

Non si correrà Lo Spino

Lo Spino purtroppo non si farà. Questa volta non c’entra il Covid-19. È con grande rammarico che, infatti, l’organizzazione della cronoscalata “Lo Spino”, con il coinvolgimento di Aci Arezzo, Provincia di Arezzo e Comune di Pieve Santo Stefano, comunica l’annullamento della 49ª edizione della gara, in programma nei giorni 8, 9 e 10 aprile 2022 , per ragioni legate alle importanti esigenze di intervento sul manto stradale, duramente messo alla prova negli ultimi anni da situazioni climatiche alterne, tipo lunghi periodi di siccità ed eventi di una certa severità, unite ad un aumentato transito di mezzi pesanti per le chiusure alterne del parallelo valico dei Mandrioli. La situazione di incertezza non permetteva un adeguato inserimento nel folto calendario del settore velocità in montagna, per cui la via dell’annullamento è stata ritenuta l’unica percorribile. “Il contraccolpo da subire di fronte all’annullamento è per tutti non indifferente, dichiara la Pro-Spino Team per voce del Presidente Alessandro Pigolotti, ma ci preme ribadire che si è già messa in moto da tempo la macchina politica mirata al raggiungimento di un progetto solido di riqualificazione della strada provinciale 208, importantissima a livello locale, sia dal punto di vista turistico che strategico. Nel frattempo, ci appelliamo a protagonisti ed appassionati del nostro sport per continuare a sostenere i “ragazzi dello Spino”, affinché la gara possa ritornare al più presto e più forte di prima”.
Resta confermato l’atteso appuntamento a Pieve del 28-29 maggio con l’Europeo Salita moto, che verrà quest’anno organizzato in collaborazione col Moto Club “Paolo Tordi” di Cesena.

Battistolli trionfa al 2° Rally Terra Valla del Tevere

La Valtiberina sugli scudi: Anghiari, Pieve S.Stefano e Sansepolcro protagoniste nel rally tra sabato 26 ed oggi domenica 27 febbraio. Il successo è andato al giovane vicentino Alberto Battistolli, in coppia con Simone Scattolin (Skoda Fabia R5/Rally2), che ha vinto il 2° Rally Terra Valle del Tevere, organizzato da Valtiberina MotorsSport con base a Sansepolcro, al termine di una lotta serrata con il trevigiano Simone Tempestini, insieme al rumeno Sergiu Itu, anche loro su Skoda.
Battistolli (nella foto – Amico Rally) ha vinto di forza la competizione, terzo dei quattro appuntamenti del Challenge Raceday Rally Terra, valido anche per il TER-Tour European Rally Series. Andato al comando con la prima prova speciale del sabato, Battistolli ha poi saputo contenere i ripetuti attacchi di un deciso Tempestini ad ogni occasione cronometrata. Alla fine, il divario tra i due è stato esiguo, 3”3 a conferma del grande ritmo tenuto per tutta la gara, resa difficile e selettiva anche dalla presenza di neve e ghiaccio, che hanno fatto riassaporare le epiche sfide rallistiche di un tempo passato.
Terzo gradino del podio finale per il trentino Alessandro Bettega, figlio dell’indimenticato Attilio, in coppia con il friulano Cargnelutti, pure loro su una Fabia. Una gara in progressione quella del pilota di Molveno.
Successo, tra le due ruote motrici, del giovane comasco Matteo Fontana, con Arnaboldi, su una Peugeot 208 R2. Ampia parte della gara aveva visto al comando il trentino Roberto Daprà, fermo per la rottura di un semiasse, sulla penultima prova. Tra le liete notizie, non è passata inosservata la gara del debutto con una supercar (una Skoda Fabia anche in questo caso), del giovane riminese Angelo Pucci Grossi,  figlio dell’indimenticato Campione, scomparso prematuramente qualche anno fa ed a cui è dedicato il 6° trofeo della gara riservato al migliore “Under 28”, andato sempre a Battistolli.

Oggi e domani il Rally

Questa seconda edizione del “Rally Terra Valle del Tevere” che si volgerà in Valtiberina oggi sabato 26 e domani domenica 27 febbraio, nei comuni di Anghiari, Pieve S.Stefano e Sansepolcro, è il proseguimento, vero e proprio, di quanto 15 anni fa, nel 2007, Valtiberina Motorsport organizzò il primo rally Ronde su terra in Italia. Una iniziativa che indusse Alberto Pirelli, partecipante alla prima edizione del rally, a creare “Raceday”, la serie agonistica su sterrati italiani.
La Valtiberina vivrà quindi un particolare momento considerando che anche l’afflusso di tanti sportivi, di giornalisti, di amanti di questo sport, ma anche di curiosi, sarà notevole. Avremo, inoltre, la trasmissione in cento Paesi grazie alla  partnership con Tour European Rally. Nella passata edizione è stata questa la manifestazione automobilistica che ha calamitato l’attenzione in un territorio ai confini con Umbria, Marche e Romagna.
Il 2° Rally Terra Valle del Tevere, che ha da poco chiuso le iscrizioni, si svolgerà oggi sabato 26, con le prime partenze alle 17,15 da Via Maestri del Lavoro a Sansepolcro e domenica 27 febbraio con l’arrivo previsto per le 16,30 in Viale Diaz sempre a Sansepolcro. Le vetture si incolonneranno direttamente al punto zero dal posto assegnato in parco assistenza e poi il via. Saranno 7 le prove speciali in totale, una da correre in una sola occasione e le altre che saranno ripetute tre volte, un format certamente a misura di pilota su strade sterrate; a proposito di piloti, ci saranno oltre cento equipaggi, tra cui anche diversi stranieri, in particolare da Romania, Francia, Svizzera, Slovenia, San Marino, Ungheria e Belgio che parteciperanno alla prima gara dell’anno su percorso sterrato.
Sabato 26 febbraio sono in programma le operazioni di verifica, le ricognizioni, shakedown e la prima prova speciale, la quale avrà copertura televisiva, per poi passare il testimone alle altre sfide domenicali.
Una seconda edizione che si annuncia, quindi, ancora una volta molto ben organizzata da Valtiberina Motorsport, nuovamente alle prese con il primo appuntamento su strada bianca della lunga stagione italiana di corse su strada. Prima prova del Campionato Italiano Rally Terra Storico a quella internazionale del Tour European Rally Series, per il quale anche in questo caso aprirà la stagione, potendo avere la certezza del Challenge Raceday Rally Terra. La gara assegnerà anche il Trofeo Pucci Grossi, riservato al miglior under 28 piazzato. Il rally ha avuto il patrocinio da parte dei Comuni di Anghiari, Sansepolcro, Pieve Santo Stefano, dall’Unione Montana dei Comuni della Valtiberina Toscana e dalla Provincia di Arezzo.

Arriva il Rally in Valtiberina

Il 2° Rally Terra Valle del Tevere, che ha da poco chiuso le iscrizioni, si svolgerà sabato 26 e domenica 27 febbraio 2022 organizzato da Valtiberina Motosport. Saranno7 le prove speciali in totale, una da correre in una sola occasione e le altre che saranno ripetute tre volte, un format certamente a misura di pilota; a proposito di piloti, ci saranno oltre cento equipaggi, tra cui anche stranieri che parteciperanno alla prima gara dell’anno su percorso sterrato.
Il 26 febbraio sono in programma le operazioni di verifica, le ricognizioni, shakedown e la prima prova speciale, la quale avrà copertura televisiva, per poi passare il testimone all’indomani, domenica 27, al resto delle sfide.
In Valtiberina, interessando il rally i comuni di Sansepolcro, Anghiari e Pieve S.Stefano, si pensa possa arrivare un migliaio di persone per una promozione del territorio garantita anche da giornalisti accreditati e dalla trasmissione in oltre cento Paesi grazie alla  partnership con Tour European Rally.
Una seconda edizione che si annuncia, quindi, molto ben organizzata da Valtiberina Motorsport. Questo è il 2° Rally Terra Valle del Tevere, primo appuntamento su strada bianca della lunga stagione italiana di corse su strada. Prima prova del Campionato Italiano Rally Terra Storico e quella internazionale del Tour European Rally Series (TER), per il quale anche in questo caso aprirà la stagione, potendo avere la certezza del Challenge Raceday Rally Terra. La gara assegnerà anche il Trofeo Pucci Grossi, riservato al miglior “under 28” piazzato. Patrocinio, alla gran gara, dei Comuni di Anghiari, Sansepolcro, Pieve Santo Stefano, dell’Unione Montana dei Comuni della Valtiberina Toscana e della Provincia di Arezzo.

Protagonista il territorio al 2°Rally Terra Valle del Tevere

Un grande contributo al motorsport, alla disciplina dei rallies ed un forte impegno per il territorio. Su queste due fondamenta poggia l’attività di Valtiberina Motorsport per tutte le sue organizzazioni sportive. Lo sarà anche per il 2° Rally Terra Valle del Tevere, in programma per il 26 e 27 febbraio 2022, che ha aperto le iscrizioni da quasi due settimane per chiuderle il 18 febbraio.
L’IDEALE TRAINING IN VISTA DEGLI IMPEGNI UFFICIALI TRICOLORI E CONTINENTALI
Chilometraggi contenuti, di conseguenza costi bassi generali di partecipazione, sono due fattori imprescindibili della gara, la quale cade due settimane dall’inizio del Campionato Europeo Rally (Rally Serras de Fafe, in Portogallo) e tre dall’inizio del Campionato Italiano Rally Terra, per cui la sfida proposta da Valtiberina Motorsport si pone come l’occasione migliore da sfruttare per fare training in vista dell’avvio ufficiale dei due campionati, oltre che per far vivere il terzo atto del sempre interessante Campionato “Raceday”.
TANTE VALIDITA’ PER UNA GARA CHE GUARDA LONTANO
Una seconda edizione che si annuncia “da grandi firme”, il 2° Rally Terra Valle del Tevere, primo appuntamento su strada bianca della lunga stagione italiana di corse su strada. Prima prova del Campionato Italiano Rally Terra Storico a quella internazionale del Tour European Rally Series (TER), per il quale anche in questo caso aprirà la stagione e potendo avere la certezza del Challenge Raceday Rally Terra, di cui sarà il penultimo atto della stagione 2021-22. La gara assegnerà anche il Trofeo Pucci Grossi, riservato al miglior “under 28” piazzato
Tutto questo si traduce in orgoglio, per Valtiberina Motorsport, per la sua gara giovane ma già decretata matura per accogliere le sfide più importanti. Orgoglio unito al vanto di avere il convinto patrocinio dei Comuni di Anghiari, Sansepolcro, Pieve Santo Stefano, dell’Unione Montana dei Comuni della Valtiberina Toscana e della Provincia di Arezzo.
Non a caso, secondo i dati raccolti dall’Ufficio Turistico della Valtiberina, il Rally Terra Valle del Tevere è stato l’evento in assoluto, nel 2021, che ha fatto soggiornare il maggior numero di persone in vallata, nei soli tre giorni di gara.
IL FORMAT “SNELLO” CON LA GARA TUTTA NEL TERRITORIO ARETINO
Sotto il piano sportivo, invece si andranno ad affrontare 7 prove speciali in totale, una da correre per una sola occasione ed altre che saranno ripetute tre volte, un format certamente “a misura di pilota”, il ventaglio temporale della gara sarà il sabato e la domenica: il 26 febbraio sono in programma le operazioni di verifica, le ricognizioni, Shakedown e la prima prova speciale, la quale avrà copertura televisiva, per poi passare il testimone all’indomani, domenica 27, con il resto delle sfide.

Si aprono le iscrizioni al 12° Historic Rally delle Vallate Aretine

È entrato nella sua fase più vivace, l’Historic Rally delle Vallate Aretine.
Con l’apertura delle iscrizioni al confronto, il primo del Campionato Italiano Rally Auto Storiche 2022, Scuderia Etruria Sport lancia la sfida sulle prove speciali “disegnate” nella provincia di Arezzo, chilometri che garantiranno alla massima espressione nazionale della specialità i primi leader di raggruppamento.
Le iscrizioni, aperte da mercoledì 9 febbraio, rimarranno tali fino a mercoledì 2 marzo, termine ultimo per partecipare alla “classica” di apertura del Tricolore.
Un appuntamento tornato alla sua abituale collocazione temporale e che, venerdì 11 e sabato 12 marzo, garantirà alla “città dell’oro” un legame all’insegna della bellezza, espressa dal “salotto” di Piazza della Libertà e dalle caratteristiche delle vetture che hanno fatto la storia del motorsport internazionale. Tre prove speciali – Rosina, Portole e Rassinata – interessate dal passaggio delle vetture protagoniste del confronto rallistico ma anche da quelle che affronteranno il contesto confrontandosi nella cornice dedicata alla Regolarità Sport. Due diverse prospettive accomunate da un’ambientazione di assoluto livello, quello di una città che attende soltanto il “via” del massimo campionato nazionale, presentatosi al plateau degli appassionati con centootto chilometri di agonismo.

Foto dell’ultimo Rally nel 2021

Il Rally Internazionale Casentino, terzo appuntamento di International Rally Cup, si correrà il 15 e 16 luglio

Il Rally Internazionale Casentino, terzo appuntamento di International Rally Cup, si disputerà nelle giornate di venerdì 15 e sabato 16 luglio, ad una settimana dalla collocazione temporale precedentemente ufficializzata con la pubblicazione dei calendari sportivi 2022.
Accolta da Aci Sport, quindi, la richiesta di spostamento della manifestazione formalmente inviata da Scuderia Etruria Sport e dettata da eventuali problematiche conseguenti alla concomitanza con il San Marino Rally, appuntamento che – in considerazione della sua portata – avrebbe influito sull’organizzazione dell’evento.
“Tengo particolarmente a ringraziare il presidente della Commissione Rally Aci Sport Daniele Settimo, il commento di Loriano Norcini, coordinatore di International Rally Cup, grazie alla sua disponibilità è stata scongiurata la concomitanza con un’altra manifestazione di rilevante portata quale è il San Marino Rally. Il reperimento dei commissari di gara, qualora la nostra richiesta non fosse stata accolta, sarebbe stato senz’altro difficoltoso”.

Oggi iscrizioni aperte al 2° Rally Valle del Tevere

Da oggi, con l’apertura delle iscrizioni (chiusura il 18 febbraio), si entra nella fase “calda” del  2° Rally Terra Valle del Tevere, in programma per il 26 e 27 febbraio 2022. Grande interesse, intorno alla gara che Valtiberina Motorsport propose solo un anno fa, una “scommessa” che venne immediatamente vinta con gli ampi consensi ottenuti, quelli che gli sono valsi già per questa seconda edizione l’avere importanti validità, prima fra tutte quella di essere la prova di apertura del Campion
Il 2° Rally Terra Valle del Tevere ha infatti avuta riconosciuta la validità quale prima prova del Campionato Italiano Rally Terra Storico, poi ci sarà la validità internazionale, quella conferita dal Tour European Rally Series (TER), per il quale anche in questo caso aprirà la stagione, andando ad aggiungersi alla certezza del Challenge Raceday Rally Terra, di cui sarà il penultimo atto della stagione 2021-22. Orgoglio per una gara giovane e già decretata matura per accogliere le sfide più importanti, unito al vanto di avere il convinto patrocinio dei Comuni di Anghiari, Sansepolcro, Pieve Santo Stefano, dell’Unione Montana dei Comuni della Valtiberina Toscana e della Provincia di Arezzo.
IL TROFEO PUCCI GROSSI EREDITATO DAL “VALTIBERINA”
La gara assegnerà anche il Trofeo Pucci Grossi, riservato al miglior “under 28” piazzato in gara. Un riconoscimento ambito e ricco di significato, che viene ereditato dal “Valle del Tevere” passando per mano dal “fratello maggiore” “Valtiberina”, che si svolgerà nella seconda parte della stagione.  Il Trofeo, dedicato alla memoria del grande pilota riminese scomparso prematuramente nel 2016, che delle strade aretine era grande estimatore e vi aveva gareggiato più volte nel corso della sua lunga carriera è sempre stato molto ambìto, l’ultimo vincitore fu, la scorsa estate appunto al “Valtiberina, il giovane bergamasco Enrico Oldrati, figlio e nipote “d’arte”.
IL FORMAT “SNELLO” CON LA GARA TUTTA NEL TERRITORIO ARETINO
Chi accetterà la sfida si troverà intanto a correre in un paesaggio dai colori e dai caratteri forti, ricco di vestigia storiche. Ad esempio, il riordinamento notturno tra le due giornate di gara avrà luogo sotto le mura medioevali di Anghiari, realmente uno dei borghi più belli d’Italia e recentemente “eletto” dalla CNN il quarto borgo “più bello d’Europa”, il quartier generale della Gara a Pieve Santo Stefano in Centro Storico proprio accanto all’Archivio Storico Diaristico Nazionale il Parco Assistenza e l’arrivo saranno a Sansepolcro, con il coinvolgimento di luoghi prestigiosi della città di Piero della Francesca.
Sotto il piano sportivo, invece si andranno ad affrontare 7 prove speciali in totale, una da correre per una sola occasione ed altre che saranno ripetute tre volte, un format certamente “a misura di pilota”, il ventaglio temporale della gara sarà il sabato e la domenica: il 26 febbraio sono in programma le operazioni di verifica che si svolgeranno al Borgo Palace Hotel di Sansepolcro, le ricognizioni, Shakedown e la prima prova speciale, la quale avrà copertura televisiva, per poi passare il testimone all’indomani, domenica 27, con il resto delle sfide.
L’IDEALE TRAINING IN VISTA DEGLI IMPEGNI UFFICIALI TRICOLORI E CONTINENTALI
Chilometraggi contenuti, di conseguenza costi bassi generali di partecipazione, sono due fattori imprescindibili della gara, la quale cade due settimane dall’inizio del Campionato Europeo Rally (Rally Serras de Fafe, in Portogallo) e tre dall’inizio del Campionato Italiano Rally Terra, per cui la sfida proposta da Valtiberina Motorsport si pone come l’occasione migliore da sfruttare per fare training in vista dell’avvio ufficiale dei due campionati, oltre che per far vivere il terzo atto del sempre interessante Campionato “Raceday”.