Città di Castello batte Foligno, analizziamo la partita di serie B maschile

Città di Castello- Italchimici Foligno 3-2

(27-25/20-25/25-16/23-25/15-11)

JOB ITALIA CITTA’DI CASTELLO: Mattei 3, Fuganti Pedoni 23, Cipriani 24, Raffanti 8, Zangarelli 17, Valenti 6, Cioffi (L1), Cherubin. A disp.: Cesari (L2), Briganti, Celestini, Volpi, Pitocchi. All. Bartolini e Radici.

ITALCHIMICI FOLIGNO:  Bregliozzi 6, Musco 15, Floris 12, Carbone 11, De Matteis 6, Merli 9, Schippa (L1), Guerrini 1, Pierini, Benedetti 5, Giustini 1. N.E.: Rossi, Spignese. All. Restani.

Arbitri: Claudia Colucci e Ina Varfaj di Perugia

Con la grinta, con il “vecchio cuore biancorosso” e con un gioco apparso spesso di qualità, la Job Italia Città di Castello fa suo il derby di inizio campionato contro l’Italchimici Foligno nel campionato di serie B di pallavolo.
Si parte subito con sorpresa perché nel sestetto della Job Italia non ci sono né Marra né Franceschini: il giocatore calabrese s’è infortunato nell’ultimo allenamento prima del debutto e sarà sottoposto ad accertamenti nei prossimi giorni mentre il centrale non si allena da qualche giorno per motivi personali, al loro posto ci sono Valenti e Raffanti.
Ma le assenze non intimoriscono i ragazzi di Marco Bartolini e un ace di Mattei e un muro di Luca Raffanti decidono la frazione (27-25).
L’atteggiamento è  giusto anche in avvio di secondo set ma Foligno non consente alcun avvicinamento, chiude un’invasione tifernate (20-25).
Il terzo set è tutto di marca tifernate che vince meritatamente (25-16).
Si comincia punto a punto nel quarto set ma sul più bello i biancorossi si bloccano: il servizio del neo entrato Floris porta Foligno avanti (23-24), Benedetti manda le squadre al quinto (23-25).
Inizio di quinto set è concitato: De Matteis dalla panchina contesta una decisione arbitrale e prende un rosso (2-2). Tifernati avanti di un break (5-3), diventano due con l’ennesimo punto di un ottimo Cipriani, che chiuderà con 24 punti e il 52% in attacco (6-3, time out Foligno). Al cambio di campo è 8-4 per la Job Italia ma un fortunoso ace di Guerrini appena entrato riporta a meno 2 i ragazzi di Restani. La partita è ancora in bilico, ace di Bregliozzi (10-9, time out Bartolini). Raffanti si fa sentire a muro per il 13-10 (time out Foligno), Benedetti spara in rete, Fuganti chiude (15-11).
E se in campo le cose sono andate nel modo giusto, anche per ciò che riguarda l’organizzazione della partita secondo il protocollo Covid della Fipav c’è da encomiare l’organizzazione della società biancorossa, con in testa il direttore sportivo nonché covid manager Antonello Cardellini che non si è risparmiato come sempre per far filare tutto liscio sia nei giorni precedenti che nel momento gara.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...