Catacchini e Valori ci parlano del Tiferno

Fabio Catacchini, fulcro difensivo e perno nelle azioni d’attacco del Tiferno, approfitta della nevicata odierna per fare un bel pupazzo di neve con la figlia. A lui interrompendolo però in questa sosta forzata domenicale per il Covid che ha colpito dieci giocatori del Montespaccato, che doveva essere l’avversario odierno del Tiferno di Nofri, chiediamo di fare il punto sul campionato anche alla luce del pari del Siena a San Donato.
“E’ bello trovarsi in cima, ci dice, è bello respirare una certa aria, ma il campionato è ancora lungo ed è certamente difficile dire chi ce la farà. Noi siamo in vetta, ci stiamo divertendo e vogliamo restarci”.
Che squadra è questo Tiferno?
“Un grandissimo gruppo con uno spiccato senso di appartenenza. Ci stiamo divertendo tantissimo, giovani e cosiddetti vecchi. Siamo molto uniti, in grande parte siamo ragazzi del posto che si conoscono da una vita e che hanno trovato l’ambiente giusto, il momento giusto, per essere in cima. Vogliamo costruire qualche cosa di importante, mettere mattone su mattone e vedere poi a marzo, aprile, dove siamo e cosa potrà succedere. Per ora ci divertiamo, ma vogliamo sorridere ancora.”
Foto del gol di Massai con le Badesse di Ivana Cangi.
Il Siena è uno dei grossi nomi di questo torneo.
“Il Siena è una squadra molto forte, ma ci sono altre compagini da temere,  anche se credo che il campionato lo vincerà chi avrà i nervi più saldi”.
Ovvero?
“Questi stop, causa pandemia, le domeniche senza calcio, sono sicuro che condizioneranno il cammino di tutti. Chi riuscirà a mantenere i nervi saldi, la dovuta calma e concentrazione nell’affrontare i recuperi, avrà la meglio. Il Tiferno è un gran gruppo e lo dimostrerà anche in questo”.
Proseguiamo il nostro cammino con Riccardo Valori, la punta biancorossa, per conoscere il suo parere su questo torneo.
“E’ un campionato molto equilibrato, ci dice, ancora lungo da disputare e la squadra ammazza torneo, come poteva esserci negli anni passati non la vedo. A me hanno impressionato, ad esempio Ostia e Badesse, ma non escludo certo il Siena o il Gavorrano che hanno giocatori importanti, anche se noi siamo primi meritatamente e vogliamo restare in vetta”.
Che gruppo è questo Tiferno?
“Vedi, anche se non possiamo uscire assieme per una cena, visto l’attuale momento, siamo un gruppo compatto, bello e forte. Ci conosciamo tutti, abbiamo giocato in squadre diverse ed ora ci ritroviamo, noi del posto, tutti assieme,  e, a parte Peluso e Traini, siamo tutti di qua. Ma proprio Maurizio (Peluso ndr) e Michael(Traini ndr), sono dei giocatori spettacolari, che si sono fusi con noi come se ci conoscessimo da anni per far parte di un gruppo dove si sta veramente bene. Compattezza, unione, amicizia, sono alla base di questo successo.”
E la società?
“Sembra di essere a casa. Seppur nata pochi anni fa, ha dato vita ad un gruppo fantastico”.
Recuperi che potrebbero, per concludere, condizionare la lotta?
“Giocare è sempre stato un bel vantaggio e noi abbiamo sfruttato questa opportunità e per chi si troverà a febbraio a disputare gare domenicali e infrasettimanali, sarà difficile mantenere la giusta concentrazione”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...